Strana politica aziendale

La Rai all'epoca del PD: più denaro a Fazio, meno a Vespa

Decurtato lo stipendio del conduttore abruzzese, mentre il collega ha ottenuto un considerevole aumento finito al centro delle polemiche. In molti si chiedono i motivi di questa disparità di trattamento, in una Tv di Stato dominata dal partito di governo

Redazione
La Rai all'epoca del PD: più denaro a Fazio, meno a Vespa

Foto da internet

A Fabio Fazio quasi 12 milioni in 4 anni. Per Bruno Vespa una riduzione dello stipendio del 30%, che per carità sono pur sempre 1,2 milioni di euro rispetto ai precedenti 1,8 milioni. Colpisce però la disparità di trattamento tra i due conduttori. “A me si chiede più che ad altri, ed io sono felice di dare”, è la risposta diplomatica del giornalista abruzzese a chi glielo ha fatto notare. In molti si chiedono quale sia la logica aziendale dietro questa decisione, all’interno di una TV di Stato ancora saldamente in mano ai partiti, anzi a un partito in particolare, il cui segretario Matteo Renzi aveva promesso appunto di liberare la suddetta televisione pubblica dal dominio partitocratico. E si è visto.

L’unica cosa di cui la Rai si è liberata sono casualmente le voci scomode, libere e non allineate al pensiero renziano. Da Nicola Porro a Massimo Giletti passando per Massimo Giannini, per non parlare della recente (auto)sospensione di Milena Gabanelli. Vespa, la cui Porta a Porta riparte su RaiUno, dal canto suo a proposito di emolumenti tiene a sottolineare che “già in previsione del mio contratto con la Rai, avevo manifestato la mia disponibilità a una riduzione del compenso. L’ho fatto in segno di solidarietà con i dirigenti di viale Mazzini ai quali è stato imposto retroattivamente un forte taglio retributivo, con l’auspicio che la norma relativa venga rivista al più presto per non far uscire l’azienda dal mercato manageriale”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?

Renzi il diffamatore
Ancora Tu? Ma non dovevamo vederci più!?

Renzi il diffamatore

Petizione contro Il Moretto: il nome è razzista


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU