Cervelli in fuga

Lo stadio del Manchester City è stato ampliato da un'ingegnere trentenne italiana, andata all'estero per trovare lavoro

Insieme ad un team di cinque persone ha calcolato i pesi e i portanti per aumentare di 6000 posti la capienza della curva dei tifosi

Ismaele Rognoni
Stadio del Manchester City

Fonte wikipedia.org

Virginia Andreani, ingegnere trentenne originaria di Castelfidardo (Ancona), fa parte di un team composto da cinque persone e ha contribuito all'ampliamento della curva, a cui si sono visti aggiungere 6000 posti, dello stadio del Manchester City. Il gruppo, nello specifico, ha calcolato pesi e portanti della curva "South Stand". Un grande successo per la giovane ingegnere che ha avuto un percorso estremamente difficile, come la maggior parte dei giovani italiani deve affrontare, vittima anche di forme di sessismo, prima di raggiungere questo livello.

Nel 2011 Virginia si laureò a pieni voti presso l'Università di Ancora, avendo portato una tesi sulla vulnerabilità sismica. Quando diede l'esame di tecnica delle costruzioni il professore le disse:" Saresti da 30 e lode, ma sei una donna e ti do solamente 30".
Il trattamento sessista e il fatto di non riuscire a trovare un incarico di lavoro in Italia che superasse i 6 mesi la demotivarono moltissimo, complice anche la vita non agiata che aveva e le difficoltà economiche della famiglia. 

Ma proprio quando tutto sembra oramai perso, il fato si sofferma a guardarla e le tende la mano. Dopo aver inviato l'ennesimo curriculum, viene contattata dall'Inghilterra via Skype e le propongono un contratto di 6 mesi da strutturista e come obiettivo ha quello di ampliare lo stadio del Manchester City. Una settimana dopo, nel 2013, si trasferì a Bath, città dove vive attualmente con il fidanzato, per incominciare la nuova esperienza lavorativa.

Riguardo alla professionalità Virginia sottolinea che:" Qui chi lavora sul campo presenta il proprio lavoro agli altri, ogni settimana, e dà il suo parere su ogni progetto. Quando ero in Italia chi stava in alto si prendeva i meriti e scaricava i problemi in basso. Sembrava che il farti lavorare fosse un favore che ti facevano".

Oggi Virginia è assunta a tempo indeterminato presso un'altra azienda, dove ha più responsabilità ma percepisce uno stipendio maggiore. Lavora ogni giorno 9 ore consecutive, ma può comunque permettersi lunghi weekend in città turistiche come Lisbona o Palma di Maiorca, oltre ad avere 22 giorni di ferie all'anno da gestire come vuole.

Non ha ovviamente nostalgia dell'Italia sostenendo che non riuscirebbe più a viverci nuovamente, dato che tra i due paesi "c'è un abisso". Anche sua sorella si è laureata in Farmacia a Rimini e, non avendo trovato lavoro nel Bel Paese, si è trasferita in Inghilterra dove è stata assunta nella città di Chippenham. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

Remo Gobbi:
Il non-editoriale
Alessandro Morelli

Il non-editoriale


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU