trovate carte segrete

L'Intelligence libica scopre piani Isis: Roma e il Milanese nel mirino

I servizi segreti avrebbero intercettato nomi e piani d'attacco di militanti jihadisti attivi nell'hinterland del capoluogo lombardo. Spicca il sequestratore Abu Nasim, che viveva in Lombardia

Alfredo Lissoni
L'Intelligence libica scopre i piani dell'Isis: Roma e la Lombardia nel mirino

Nel covo dell'Isis a Sirte liberata uomini dei servizi segreti libici avrebbero trovato nomi e piani d'attacco di militanti jihadisti attivi nel Milanese, tra cui quello di Abu Nasim, che viveva in Lombardia, considerato vicino ai rapitori dei tecnici della Bonatti sequestrati lo scorso anno vicino Tripoli. Lo rivela il Corriere della Sera, precisando che i libici si dicono pronti a consegnare i nomi alle forze dell'ordine italiane.


"Decine, se non centinaia di militanti" dell'Isis, secondo le stesse fonti, sarebbero partiti dalla Libia alla volta dell'Europa, prima tappa Italia, in modo legale, ma soprattutto infiltrati tra le masse di disperati a bordo dei barconi del traffico illegale di migranti. A Sirte i servizi segreti libici hanno trovato appunti, taccuini scritti a mano, fogli volanti, che ora si sta cercando di decifrare e mettere insieme, e che potrebbero contenere la prova che le minacce dell'Isis di "approdare a Roma" non siano solo propaganda.


"Quando parlavamo di invasione i vari Renzi, Boldrini, Alfano e i benpensanti di sinistra ci deridevano, quando dicevamo che tra i clandestini si nascondevano terroristi i presunti esperti dicevano che volevano solo cavalcare la paura contro i poveri disperati che arrivano in Europa. Ora pretendiamo le dimissioni di tutti coloro che hanno negato l'evidenza e messo in pericolo i nostri cittadini", ha commentato Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega Nord alla Camera dei Deputati.


"Sul Corriere della Sera si legge dei documenti trovati nei covi dell'Isis in Libia. Nei progetti del Califfato l'invasione dell'Italia, e quindi dell'Europa cristiana decadente, avrebbe dovuto cominciare proprio dalla sua capitale libica. Sirte sarebbe stato il centro di smistamento e lancio delle azioni. In parte l'operazione è già cominciata con l'invio di decine, se non centinaia, di militanti partiti in modo legale, ma soprattutto infiltrati tra le masse di disperati a bordo dei barconi del traffico illegale di migranti. Nonostante ciò trovo assurdo che Renzi e Alfano continuino a far arrivare questa gente in Italia", ha detto Fedriga.


Simona Bordonali, assessore regionale lombardo, ha dichiarato: "I documenti ritrovati a Sirte dicono che molti potenziali terroristi islamici, sopratutto libici, tunisini e sudanesi, agiscono nel milanese. Chiediamo al Governo di intervenire immediatamente per evitare di rendersi complice di attentati, avendo lasciato arrivare decine di migliaia di clandestini sul territorio nazionale".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU