Avevano minacciato i capi della chiesa ortodossa

Egitto, il governo accusa i Fratelli musulmani dell'attentato alla cattedrale

L'attentatore avrebbe trascorso due anni nel Sinai del nord giurando fedeltà al gruppo terroristico Wilayat Sinai, legato al califfato di Abu Bakr al Baghdadi

Redazione
Egitto, il governo accusa i Fratelli musulmani dell'attentato alla cattedrale

I funerali delle vittime. Foto ANSA

Il ministero dell'Interno del Cairo accusa i Fratelli musulmani di essere collusi con l'attentato alla cattedrale copta del Cairo. Martedì il ministero dell'Interno egiziano ha ricordato come il Consiglio rivoluzionario, composto da oppositori in esilio all'estero, abbia più volte minacciato i capi della chiesa ortodossa del Cairo per il proprio sostegno allo stato egiziano. Il ministero accusa anche un medico egiziano, Mohammed Mustafa al Sayd Qasem, di essere tra quelli che hanno pianificato l'attacco e di aver usufruito di sostegno logistico da parte dei Fratelli musulmani e in particolare dei suoi dirigenti in Qatar per destabilizzare l'Egitto.

L'autore dell'attacco alla cattedrale sarebbe un affiliato di Wilayat Sinai (Stato del Sinai), gruppo egiziano legato allo Stato islamico. Mahmoud Shafiq, questo il nome del giovane attentatore, si sarebbe introdotto in una piccola cappella adiacente alla cattedrale utilizzando una porta laterale, dove non erano presenti agenti di sicurezza che potessero controllare i suoi documenti di identità. Il giovane attentatore avrebbe trascorso due anni nel Sinai del nord, giurando fedeltà al gruppo terroristico Wilayat Sinai, la "provincia" egiziana del cosiddetto "califfato" di Abu Bakr al Baghdadi.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Qualcuno salvi Spelacchio!
50mila euro dei contribuenti buttati al vento

Qualcuno salvi Spelacchio!

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk
Orbán: 30 milioni di euro per proteggere le frontiere Ue

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU