Come ne 'Il Ponte delle Spie' di Spielberg

Scambio di spie su un ponte, tra Russia ed Estonia: una scena che sembra da film

Da una parte Artem Zinchenko, 007 russo scoperto dai servizi interni di Tallinn. Dall'altra Raivo Susi, imprenditore estone, che sarebbe un agente dei KAPO

Redazione
Scambio di spie su un ponte, tra Russia ed Estonia: una scena che sembra da film

Il momento dello scambio

Furgoni scuri bloccano l'accesso a un piccolo ponte, le strade sono striate di neve, due uomini s'incontrano a metà della sottile striscia d'asfalto; parlano, sorridono, poi si stringono la mano e si sbracciano, quasi si stiano mettendo d'accordo su chi debba fare retromarcia e cedere il passo. Quindi compare gente in divisa militare dal volto coperto. Siamo al confine tra Russia ed Estonia, nella piccola cittadina di Koidula, e no, non è in corso un mini ingorgo di provincia ma uno scambio di spie modello Guerra Fredda. La scena, che risale a sabato scorso, pare tratta dai film, come appunto 'Il Ponte delle Spie' di Steven Spielberg, che a sua volta è ispirato a fatti realmente avvenuti, come recita l'immancabile precisazione nei titoli di testa o di coda, e la Russia ogni tanto ci ricorda che sì, si fa proprio così.

Negli ultimi dieci anni sono state ben nove le spie russe scovate e condannate in Estonia, dove tutt'oggi risiede una nutrita comunità russofona: Artem Zinchenko è una di loro. Reclutato dall'intelligence militare russa (GRU) nel 2009, ma 'attivato' a quanto pare nel 2013 per raccogliere informazioni sui movimenti delle truppe estoni e Nato, è stato scoperto dai servizi interni di Tallinn, celebri grazie all'acronimo KAPO, e condannato a cinque anni di carcere il 9 gennaio del 2016. Il suo caso, scrivono diversi media locali, è emblematico poiché tradisce un modus operandi dei servizi russi: quello di far leva sulla storia familiare di alcuni giovani (il nonno di Artem aveva fatto parte della SMERSH durante la guerra ed era rimasto in Estonia dopo il crollo dell'Unione Sovietica) per spingerli a collaborare con la madrepatria.

Dall'altra parte del ponte, come contropartita, i russi 'schierano' invece l'imprenditore estone Raivo Susi. Di lui si sa poco o nulla, se non che è stato arrestato presso lo scalo moscovita di Sheremetyevo, il 10 febbraio del 2016, mentre era diretto verso una non meglio definita nazione dell'Asia Centrale. L'anno successivo è stato condannato a 12 anni di carcere, sempre per spionaggio. Entrambi hanno ricevuto la grazia presidenziale e così i servizi dei rispettivi paesi si sono accordati per avere indietro i loro agenti, benché il KAPO non abbia confermato ufficialmente che Susi fosse un loro agente. Ed ecco il ponte: un passo in direzione opposta (come mostra un video pubblicato da RBK) e si passa frontiera. Poi pacche sulle spalle. Ci sarà anche internet, ma certe cose evidentemente non passano mai di moda.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

E su Facebook compare il "compagno" che denigra i morti di Genova
quando i social danno voce e dignità anche ai pirla

E su Facebook compare il "compagno" che denigra i morti di Genova

Il buonismo spagnolo s'è già esaurito: "No ad Aquarius"
tanti pistolotti all'italia, ma poi...

Il buonismo spagnolo s'è già esaurito: "No ad Aquarius"

Clandestini, la Spagna "compagna" si scopre pro-espulsioni
accoglienti finché ce li prendevamo noi...

Clandestini, la Spagna "compagna" si scopre pro-espulsioni


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU