Forse a Ferragosto?

Francia, i terroristi islamici stavano preparando un altro attentato a Nizza

Dopo quello del 14 luglio in cui morirono 86 persone, secondo gli inquirenti gli sms scambiati fra i jihadisti arrestati rivelerebbero che volevano fare il bis

Redazione
Francia, i terroristi islamici stavano preparando un altro attentato a Nizza

Il selfie di Bouhlel sulla Promenade. Da leparisien.fr

I terroristi islamici avevano intenzione di sferrare un altro attacco a Nizza a Ferragosto, dopo quello del 14 luglio in cui morirono 86 persone: lo ha rivelato venerdì l'emittente transalpina Bmftv citando fonti vicine alle indagini sull'attentato messo a segno dal tunisino Mohamed Lahouij Bouhlel. Gli inquirenti della Direzione generale della polizia giudiziaria e della sicurezza interna starebbero analizzando due messaggi inviati dai complici di Bouhlel otto giorni prima dell'attentato, il 6 luglio. Nel primo, trasmesso alle 21.54, vi è semplicemente scritto "14/7/16", facendo riferimento alla data in cui è stato effettuato l'attacco lungo la Promenade des Anglais di Nizza. I dubbi degli inquirenti sulla pianificazione di un altro attacco a Ferragosto derivano dal secondo messaggio, delle 22.04, in cui vi è scritto: "15/08/16".

I messaggi sono stati stati inviati entrambi da Hamdi Zagar, cugino di Bouhlel, indagato per associazione a delinquere in relazione a un atto terroristico criminale, destinati a Mohamed Oualid, detto 'Walid', Ghraieb. Entrambi sono stati arrestati, ma non hanno fornito alcuna spiegazione per questi sms. Zagar è l'uomo che compare nelle immagini delle telecamere di videosorveglianza due giorni prima dell'attentato di Bouhlel, davanti al camion utilizzato per la strage. Walid è invece colui che il giorno dopo la strage sulla Promenade si era fatto dei 'selfie' con un telefono cellulare.

Analizzando il cellulare dell'attentatore, gli inquirenti hanno trovato una serie di fotografie scattate sulla Promenade des Anglais il 15 agosto del 2015, in occasione dei fuochi d'artificio: per la polizia poteva trattarsi di una 'ricognizione' in vista di un futuro attentato. Un altro elemento probatorio, continua Bmftv, ha portato gli investigatori a pensare alla preparazione di un attacco a Ferragosto: alle 22.27 del 14 luglio, poco prima di lanciare il camion contro la folla, Bouhlel ha inviato un messaggio a Ramzi Arefa, franco-tunisino di 21 anni ora sospettato di aver fornito le armi. "Chokri e i suoi amici sono pronti per il prossimo mese", si legge nel testo: si tratterebbe di Chokri Chafroud, anche lui finito in manette durante le indagini per aver fornito le armi all'attentatore.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Corea del Nord pronta ad attaccare gli USA
il ritorno della guerra fredda

La Corea del Nord pronta ad attaccare gli USA

La Guardia Costiera libica: "Le Ong aiutano gli scafisti"
dicono apertamente ciò che l'italia nasconde

La Guardia Costiera libica: "Le Ong aiutano gli scafisti"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU