Ruggito della tigre celtica

Irlanda, il Pil cresce del 26,3% grazie al fisco leggero che attira le multinazionali

L'ufficio di statistica della verde isola rivede i dati relativi al 2015: l'anno scorso molte società di rilievo hanno trasferito la loro sede a Dublino

Redazione
Irlanda, il Pil cresce del 26,3% grazie al fisco leggero che attira le multinazionali

Il tricolore irlandese sventolato a Dublino. Foto ANSA

Ha dell'incredibile il balzo del prodotto interno lordo dell'Irlanda, che secondo una revisione attuata dall'istituto nazionale di statistica è cresciuto lo scorso anno di ben il 26,3% a fronte di una precedente stima del 7,8% che era già elevata, e superava l'analogo dato cinese. La cosiddetta "tigre celtica" piazza una zampata senza precedenti, grazie al trasferimento nella capitale Dublino della sede di molte multinazionali di rilievo. La pressione fiscale molto bassa offerta dal fisco irlandese costituisce infatti un'attrattiva notevole: le tassazioni societarie beneficiano di un'aliquota leggera, pari al 12,5 per cento. Lo spostamento delle società ha provocato un'impennata dello stock di capitale fisso nei conti nazionali; se a questo si aggiungono l'aumento del numero di aerei importati con contratti di leasing internazionale e la riclassificazione dei bilanci aziendali delle multinazionali trasferitesi, si ottiene come risultato l'incredibile balzo in avanti del Pil.

Grazie a questa improvvisa performance, migliora notevolmente anche il rapporto tra debito pubblico e Pil, che passa dal 120% all'80% consentendo così alla verde isola di lasciarsi alle spalle il piano di aiuti chiuso nel 2014 e affrontare da una posizione di forza le trattative sulla politica fiscale della zona euro. Disoccupazione in calo, entrate fiscali in aumento e spesa dei consumatori in crescita completano un quadro economico decisamente positivo, che rappresenta il miglior esempio di uscita alla crisi di un paese attraverso riforme e politiche liberiste. La nuova sfida per l'Irlanda è rappresentata ora dalla Brexit, che oltre ad essere un'altra occasione per attrarre banche e imprese straniere, potrebbe fare da volano per la ricongiunzione di tutta l'isola sotto un'unica bandiera.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU