maledetto trattato

TTIP: quella bufala su un piatto d'argento

Con la firma dell'Accordo di libero scambio tra Ue e USA l'Italia diventerebbe terra di conquista di compagnie multinazionali, affaristi e speculatori di oltre oceano e non solo

Urbano Secondo
TTIP: quella bufala su un piatto d'argento

Foto ANSA

Transatlantic Trade and Investment Partnership, TTIP, starebbe per la "costruzione di un mercato unico per merci, investimenti e servizi tra Europa e Nord America". L’obiettivo è dar luogo ad un trattato di libero scambio tra Europa e Nord America che abolisca i dazi doganali e uniformi i regolamenti dei due continenti, in modo da non aver più alcun ostacolo alla libera circolazione  delle merci e alla libertà di investimento e di gestione dei servizi. Ciò significa abolire i dazi e uniformare i regolamenti USAe Ue in modo da costruire un mercato unico.


Per dare una idea dell’importanza di questa operazione, teniamo presente che tra gli argomenti trattati vi è “l'accesso al mercato per i prodotti agricoli e industriali, gli appalti pubblici, gli investimenti materiali, l’energia e le materie prime, le materie regolamentari, le misure sanitarie e fitosanitarie, i servizi, i diritti di proprietà intellettuale, lo sviluppo sostenibile, le piccole e medie imprese, la composizione delle controversie, la concorrenza, la facilitazione degli scambi, le imprese di proprietà statale”. Ad esempio le produzioni audiovisive sono state tolte dalla trattativa grazie all'opposizione della Francia (Gruppo Vivendi?). Da qui se ne deduce perché una parte di chi si dichiara all'opposizione del governo  non si dimostri poi così ostile al TTIP e favorisca sottobanco il governo a portare avanti speditamente le procedure.

Gli economisti "indipendenti" dai regimi puntualizzano che il punto più critico del TTIP è che l’amalgama dei regolamenti tra USA e Ue produrrà tendenzialmente una uniformazione al ribasso. Questa ipotesi è così forte che gli USA hanno preteso di togliere dal negoziato i mercati finanziari, portando a motivazione che le regole in vigore negli Stati Uniti sono più severe di quelle europee (vero) e dando quindi per scontato che nella trattativa verrebbero rimosse le regole più severe che, tra l'altro, rendono i mercati finanziari USA più trasparenti. Unica cosa che forse gioverebbe ai cittadini italiani e un po' (tanto) meno alle banche ed alle solite lobbies.

Per quanto riguarda l’agricoltura, negli USA è possibile coltivare prodotti Ogm, è possibile utilizzare gli ormoni nell’allevamento degli animali destinati all’alimentazione, così come non riconoscono la denominazione d’origine controllata. Sarebbe così possibile commercializzare Chianti prodotto in California e denominare Parmigiano reggiano qualsiasi formaggio grana prodotto in qualsivoglia zona del grande mercato Ue-USA. Per quanto riguarda i servizi sarebbero esclusi dal TTIP solo quelli per i quali non esiste offerta privata: l’acqua , la sanità, la gestione dei rifiuti, l’istruzione e cioè il complesso dei beni comuni e del welfare rischiano di essere completamente privatizzati con regole molto orientate alla sostenibilità economica piuttosto che alla sostenibilità ambientale ed alla tutela del cittadino. Con la conseguente perdita totale della sovranità nazionale e di quelle peculiarità geografiche e storiche che fa essere l'Italia unica al mondo.

Anche per quanto riguarda l’ambiente le regole Usa sono molto meno vincolanti: non esiste la carbon tax e le aziende potranno contrapporre la loro aspettativa di guadagno alla difesa della salute attuata dagli stati. Idem la pratica di estrazione dello Shale Gas tramite la tecnica del fracking che non tiene conto delle bellezze naturali di un territorio, della sua preziosità storica e tanto meno della sua bellezza paesaggistica. Cosa possiamo aspettarci da una società, quella americana, che ha assistito inerme al saccheggio del museo di Baghdad e della recente distruzione dei monumenti di Palmira senza quasi muovere un dito?

Eppure rischiamo domani di diventare come loro. Dei consumatori zombie. E magari il Colosseo sarà solo una cosa grande e strana dove tutti vanno stranamente a fare dei selfie con hamburger e una coca cola in mano con una voce lontana di sottofondo che al tramonto ci invita alla preghiera...
 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU