senza futuro

Papa Ratzinger lo aveva detto: “La multiculturalità è abbandono di ciò che è proprio…”

Benedetto XVI aveva lanciato l'allarme anni fa: la perdita delle proprie radici sarà la fine dell'Occidente

Francesco Vozza
Papa Ratzinger lo aveva detto: “La multiculturalità è abbandono di ciò che è proprio…”

Foto ANSA

Appena qualche anno fa, nel suo dialogo con Marcello Pera intitolato Senza radici. Europa, relativismo, cristianesimo, islam, Benedetto XVI affrontò da un punto di vista teologico e filosofico importanti questioni socio-politiche che erano d’attualità allora e lo sono, ancor di più, oggi. Evitando di soffermarci sulla parte del libro relativa al tema dei controversi rapporti tra cristianesimo e islam, è interessante provare a riflettere sulle parole che Ratzinger spende riguardo alle nuove società multiculturali venutesi a creare, già a partire dagli ultimi decenni del Novecento, in Europa: “La multiculturalità, che viene continuamente e con passione incoraggiata e favorita, è talvolta soprattutto abbandono e rinnegamento di ciò che è proprio, fuga dalle cose proprie”.


Il suo pensiero, a tal proposito, è dunque inequivocabile: ciò che Benedetto XVI ci suggerisce è che il minestrone multietnico, nato dall’ideologia della multiculturalità, abbia come unico risultato “l’abbandono” e, di conseguenza, la perdita delle proprie radici. Risulta abbastanza evidente quale sia il giudizio del Papa in merito a tale fenomeno. Ma la vera e propria critica, Ratzinger la rivolge in particolar modo a chi incoraggia la multiculturalità e maledice se stesso, vale a dire l’Occidente. “C’è qui un odio di sé dell’Occidente che è strano e che si può considerare solo come qualcosa di patologico; l’Occidente tenta sì, in maniera lodevole, di aprirsi pieno di comprensione a valori esterni, ma non ama più se stesso; della sua storia vede oramai soltanto ciò che è deprecabile e distruttivo, mentre non è più in grado di percepire ciò che è grande e puro. L’Europa ha bisogno di una nuova – certamente critica e umile – accettazione di se stessa, se vuole davvero sopravvivere”.


Le riflessioni di Benedetto XVI sono di una finezza culturale impressionante e denotano una precisa idea del mondo chiaramente lontanissima dal pensiero unico dominante e dal “politicamente corretto”, ma mai privata del conforto dell’ortodossia cristiana. In quel momento, però, il Papa era lui e poteva permettersi di indirizzare il cattolicesimo verso dei capisaldi teorici ben precisi. Oggi, invece, in Vaticano le idee sono notevolmente cambiate e non certo nel modo in cui si sarebbe augurato Ratzinger…

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

Dibba: "Le promesse di Renzi? Prodotti tossici"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU