Keynes l'aveva detto

Derivati di Stato. Quando la finanza diventò verità assoluta

Proseguiamo con lo studio del professor Fabrizio Pezzani della Bocconi, che ci spiega quando iniziò la sudditanza monetaria

Fabrizio Pezzani
Derivati di Stato. Quando la finanza diventò verità assoluta

Siamo da tempo entrati nel mondo della finanza razionale come verità incontrovertibile, diventata una sorta di pietra filosofale in grado di cambiare la pietra in oro e di rendere tutti vittime della sindrome di Re Mida. La moneta-mezzo ed intermediario degli scambi come la intendeva già Aristotele è diventata moneta-fine, la crematistica denunciata da lui come finalità esclusivamente accumulativa di ricchezza senza redistribuzione.

Abbiamo sovvertito l’ordine delle cose mettendo la finanza sopra l’economia reale; già il grande Keynes, passato per il dissesto finanziario della grande depressione, diceva: "Se la finanza rimane una bolla sopra le intraprese economiche può essere innocua, se le intraprese economiche diventano una bolla sopra la finanza è la fine". Il processo di finanziarizzazione dell’economia reale e della sua deificazione acritica è cominciato agli inizi degli anni '70 quando Nixon dichiarò lo sganciamento del dollaro dalla parità aurea – 28 dollari stampabili ogni grammo d’oro – perché i creditori degli USA, non fidandosi della massa monetaria del dollaro, volevano essere pagati in oro, riducendo all’osso le riserve auree del paese , come sta succedendo oggi. Di fatto la Fed, sempre lei, rifiutandosi di riscattare in oro i dollari posseduti da altre banche centrali stracciò l’ordine monetario stabilito a Bretton Wod nel 1944; di colpo il mondo si ritrovò ostaggio di un regime di tassi di cambi fluttuanti che cambiò radicalmente il sistema monetario basato sul dollaro in un gigantesco sacro tempio della speculazione i cui sacerdoti venivano ammantati di sacralità infallibile . Da lì cambiò tutto e noi subimmo la prima guerra finanziaria con il petrodollaro.


Da quel momento vi fu la separazione tra la moneta che in sé è sterile, come diceva Tommaso D’Acquino, ed un suo controvalore reale, contribuendo a formare due sistemi totalmente contrapposti: quello monetario – infinito, non misurabile, immateriale – e quello finito dove scorre la nostra breve vita – materiale, finito e misurabile – che non possono coesistere insieme influenzandosi perché innaturale ed illogico in quanto la contrapposizione è contro il secondo principio della logica aristotelica della non contraddizione. "A" non può essere allo stesso tempo "Non A".  Ma gli interessi della finanza hanno cancellato la logica dello Stagirita. Da quel momento il vento della finanza infinita ha cominciato a dettare la legge su un mondo finito e sulla paura e debolezza della politica diventata solo un misto di arroganza e mediocrità.

L’operazione del "petrodollaro", funzionale a creare la domanda per la montagna di dollari stampati e scaricare l’ondata inflattiva su altri Paesi come il nostro, inaugurò così la progressiva sudditanza ad un sapere fondato non su ipotesi scientifiche corrette ma solo su interessi egemonici . Un approccio non scientifico, l’avrebbe definito F. von Hayek nel suo discorso di accettazione del Nobel nel 1974  ma subito in modo acritico. Proprio la Mont Pelerin Society, fondata dal liberismo austriaco dell’economia (scienza sociale con radici nel pensiero e nella cultura  europea fatta di storia, filosofia, politica ecc...), passò a Milton Friedman, portatore dell’economia scienza positiva esatta e dei mercati razionali che non sbagliano mai nell’allocazione delle risorse. Il mantra sarebbe diventato legge a cui sottomettersi con devozione anche opportunistica. Ancora una volta Keynes aveva ragione e la scuola di Chicago è fallita.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Senato russo: "Ora è possibile l'Italexit"
Pushkov sul voto referendaRIO

Senatore russo: "Ora è possibile l'Italexit"

Vittoria del No: non crollano le borse
le bugie PD hanno le gambe corte

Vince il NO ma... non crollano le borse


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU