L'INVASIONE CONTINUA

Ieri altri mille sbarchi sulle coste siciliane

Ennesima operazione di salvataggio in mare da parte della Guardia Costiera per recuperare i clandestini alla deriva

Alex Bazzaro
Clandestini alla deriva

Foto ANSA

Altri due barconi carichi di migranti sono stati aiutati nelle operazioni di sbarco nella giornata di ieri dalle autorità siciliane. Un totale di quasi mille profughi a maggioranza siriana hanno attraversato il mare Mediterraneo stipati in due diversi imbarcazioni, entrambe in evidente stato di difficoltà.
Le operazioni, sotto la direzione della Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma facente capo al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, hanno subito messo in allerta le autorità del posto, anche grazie all'iniziale avvistamento aereo di uno dei mezzi della Guardia Costiera di Catania.


A soccorso del primo barcone sono intervenute la Nave Peluso della Guardia Costiera e la nave Rio Segura facente riferimento all’Agenzia Frontex, l’una recuperando 342 persone diretta ad Augusta e l’altra 173 con meta il porto di Palermo. Per il secondo sono invece state messe a disposizione la nave militare finlandese Merikarhu, la quale ha preso con se 287 migranti per trasportarli nel porto di Catania, con l’assistenza di altre tre motovedette e della nave Acquarius con 233 individui diretta a Crotone.
Si è reso infine necessario un trasporto d’urgenza in elicottero di una donna in stato avanzato di gravidanza tramite un elicottero della Guardia Costiera di Catania.
Di grande rilevanza è la provenienza di questa nuova ondata di profughi siriani, poiché lascia spazio alla preoccupazione della possibile apertura di un nuovo fronte del flusso d’immigrazione attraverso l’Egitto.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni. Che scoppia a piangere
rabbia e indignazione per la "sparata" del sultano

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni

"Risorsa" rumena deruba avvocato: colf in manette a Foggia
INDAGINI POLIZIA PER IDENTIFICAZIONE COMPLICI

"Risorsa" rumena deruba avvocato: colf in manette a Foggia

Sana Cheema, i parenti non si trovano
accusati in italia di omicidio

Sana Cheema, i parenti non si trovano

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU