frustrati e repressi

Ma gli animali si deprimono?

Sempre più spesso le cliniche veterinarie segnalano stati d'ansia e depressione nei pets

Stefania Genovese
Ma gli animali si deprimono?

Sono molti i casi, raccolti dai singoli Dipartimento di Scienze Veterinarie e dalle stesse cliniche del nostro paese, relativi ad animali che palesano comportamenti simili agli stati di ansia e di depressione negli umani. Come asserisce l'etologo Roberto Marchesini, domandarsi se un animale possa manifestare sintomi simili alla depressione, ci induce in realtà ad una riflessione banale o forse eccessivamente umanizzante. Se la felicità è uno stato che comporta l'appagamento di sè e la sua realizzazione, chi associa l'animale all'uomo ammetterà la possibilità che esso possa deprimersi, mentre chi ritiene questo "spleen" peculiarità solo umana la rigetterà con determinazione.


Occorre dunque precisare che la felicità in sè riguarda la possibilità di esprimere in pienezza e senza riserve la propria autenticità e di ritrovare nel mondo quelle occasioni che il proprio etogramma prevede. Infatti può essere considerato felice un gatto che può rincorrere in un giardino degli uccellini o un cane che gioca e che si tuffa in un ansa del fiume. Essi sono felici perché esprimono la loro natura più profonda. Il problema è che noi spesso proiettiamo sugli animali delle aspettattive che rendono i nostri desideri e le nostre aspirazioni identiche a quelle che dovrebbe provare il nostro pet; molto spesso tuttavia  alcune alterazioni nei modi di agire che riscontriamo nei nostri animali vengono in realtà attribuite a disturbi psicologici che in realtà non sono altro che tentativi disperati dei nostri amici a quattrozampe di recuperare coerentemente uno stato equilibrato tra ciò che sentono internamente e ciò che possono esprimere esternamente.


Ad esempio negare sistematicamente la natura del nostro pet rendendolo un peluche, senza comprenderne le proprie esigenze può renderlo un animale triste e depresso. I gatti, ad esempio, vengono forzati ad una vita casalinga priva di qualunque stimolo che abbia a che fare con i loro congeniti ed ineludibili obiettivi di esplorazione, di predazione e di movimento, mentre le uniche attività permesse loro sono mangiare, dormire e ricevere le coccole, ciò può comportare che anche il micio più affettuoso dopo un po’ di carezze e di costrizione diventi irritabile. Ma questa specie di nevrosi del gatto verrà percepita come un tradimento. Anche ai cani spesso vengono loro vietate delle attività, come correre liberi in un bosco, o annusare luoghi poco piacevoli, che per loro invece risultano necessarie e piacevoli.


Quindi felicità per gli animali "in primis" significa poter esprimere le loro attitudini naturali. Certamente, poiché i pets si relazionano a noi e più volte abbiamo constatato la loro preddisposizione alla flessibilità dell'ambiente in cui vivono, e data, in taluni casi, il loro legame a volte quasi simbiotico con noi, è comprensibile che possano mettere in atto alcune reazioni fisiche o patalogiche, esprimenti in modalità differenti, fasi di sofferenza, anedonia e privazione. Ad esempio un cane, che morde per un attacco di panico, o che diventa atonico ed abulico perchè prova l'ansia di distacco, un merlo indiano che si strappa le penne per la cattività, un gatto distruttivo verso gli oggetti, e tanti altri epifenomeni di sofferenza.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Trionfo Salvini: conquista le roccaforti del Pd
Genova, Sesto San Giovanni, l'Aquila, Alessandria, Piacenza e a Verona batte Tosi

Trionfo Salvini: conquistate tutte le roccaforti del Pd

Lupi "ibridi" a rischio estinzione
pericolo sottovalutato

Lupi "ibridi" a rischio estinzione

Acquario: come gestire il pesce chirurgo
immortalato dal film "alla ricerca di dory"

Acquario: come gestire il pesce chirurgo

Tutti i segreti del nostro micio di casa
estate con un libro e con un pet

Tutti i segreti del nostro micio di casa

Blondie, lo squalo che adora farsi fare le coccole
uomo e squalo, gli insoliti amici

Blondie, lo squalo che adora farsi fare le coccole


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU