Invasione programmata

Altro che "profughi"! Terroristi addestrati dall'Isis a mascherarsi da richiedenti asilo

Molti degli immigrati ai quali viene riconosciuto lo status di rifugiato sono in realtà dei combattenti jihadisti, istruiti a superare l'esame delle commissioni

Redazione
Altro che "profughi"! Terroristi addestrati a mascherarsi da richiedenti asilo

Milizie jihadiste. Foto ANSA

Diverse testate tedesche, dalla Welt alla Frankfurter Allgemeine, rilanciano domenica 13 novembre un allarme proveniente dalla BND, l'agenzia federale di intelligence della Germania. Secondo un rapporto molto dettagliato, molti di quelli che accogliamo in Europa con tutti gli onori come poveri profughi che scappano dalla guerra, sono in realtà dei terroristi islamici, addestrati dall'Isis a superare l'esame delle commissioni preposte a verificare l'esistenza dei requisiti per ottenere lo status di rifugiato.

Ai combattenti verrebbe insegnato cosa devono rispondere nel corso degli interrogatori della polizia, e come devono comportarsi affinché la domanda di asilo politico vada a buon fine. Come sottolinea la Welt, tutti i nove autori degli attacchi terroristici di Parigi di un anno fa erano giunti in europa come "migranti" ed erano stati riconosciuti come rifugiati. Salah Abdeslam, uno dei responsabili degli attacchi arrestato a Molenbeek, nell'ottobre del 2015 aveva viaggiato lungo la rotta balcanica.

Dai fascicoli dell'intelligence si rileverebbe anche che i terroristi stavano programmando un attacco parallelo all'aeroporto Schiphol di Amsterdam il 13 novembre 2015. Non è chiaro il motivo per cui non abbiano poi concretizzato il piano, ma su uno dei computer portatili sequestrati in seguito alla strage di Bruxelles è stato ritrovato lo schema organizzativo dell'attacco, con le indicazioni relative alle squadre di terroristi da utilizzare e molti altri dettagli che sono stati analizzati dagli inquirenti.

A un anno di distanza dall'attacco alla capitale francese del 13 novembre 2015, rimane quindi molto alta la tensione soprattutto in considerazione di quanto emerso dalla relazione del servizio di intelligence tedesco. Coloro che ottengono lo status di rifugiato sono una quota minima dei clandestini che vengono traghettati ogni giorno in Europa, e in particolare sulle coste italiane. Tra quei pochi che vengono riconosciuti come profughi, si nasconderebbero quindi diversi terroristi islamici pronti a colpire.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Papa Francesco: "Sì allo Ius Soli". Salvini: "Lo applichi in Vaticano, se vuole"
"A Dio quel che è di Dio, a Cesare quel che è di Cesare"

Papa Francesco: "Sì allo Ius Soli". Salvini: "Lo applichi in Vaticano, se vuole"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU