Italica burocrazia

31 miliardi di fondi europei attualmente congelati a causa dei ritardi del governo

Le inadempienze dei responsabili rischiano di farli saltare, essendo la situazione italiana una delle peggiori in tutta l'area dell'Unione

Ismaele Rognoni
Euro e Ue, c'è chi li apprezza

Sono ben 31 miliardi di euro i fondi che l'Europa vuole destinare l'Italia, finalmente facendo qualcosa di utile, ma un ostacolo potrebbe far saltare tutto: la burocrazia italiana. Infatti, i ritardi che alcune regioni e il governo stanno avendo nel nominare le autorità preposte alla gestione dei fondi potrebbero portare al loro disimpegno automatico visto che i tempi e le modalità non sono ancora state rispettate.
Nonostante la situazione del Bel Paese sia uno delle peggiori in tutta l'area dell'Unione Europea, il governo continua ad impostare la sua comunicazione sul concetto dello stare sereni e la affida alle parole del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio de Vincenti: "Tutto sta procedendo regolarmente e i fondi destinati all'Italia per la programmazione 2014-2020 non corrono alcun rischio".

Le parole del sottosegretario però si disperdono come fumo nel vento dato che, attualmente, è ancora tutto fermo e i fondi destinati alla crescita e alla competitività di infrastrutture e dei servizi digitali non risultano ancora pervenuti.
Le più grandi cause di questi ritardi sono individuati in un sistema informatico obsoleto e confusionale e le 133 condizioni ex ante ancora aperte.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Il Pil italiano cala ancora
Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU