jesolo e immigrazione

Senegalese manda tre agenti all'ospedale a furia di morsi e pugni

L'immigrato è stato allontanato dalla spiaggia dalla Municipale mentre vendeva merce contraffatta. Bagnini e turisti in aiuto alla Polizia per sedare lo straniero

Redazione
Senegalese manda tre agenti all'ospedale a furia di morsi e pugni

Foto da internet

Un immigrato senegalese di 31 anni è finito in manette ieri pomeriggio a Jesolo per aver aggredito a calci, pugni e morsi, e mandato al pronto soccorso tre agenti della polizia locale, dopo essere stato sorpreso a vendere abusivamente merce, in parte anche contraffatta, sulla spiaggia.

I fatti si sono svolti poco prima delle 17.00 sulla spiaggia davanti all’ingresso 11 da via Bafile. Tre vigili, che stavano pattugliando la spiaggia in un servizio programmato contro il commercio abusivo ambulante, hanno notato un immigrato che proponeva la propria merce ai bagnanti. Una volta raggiunto lo straniero, hanno proceduto alla sua identificazione.

L’immigrato senegalese si è rifiutato di consegnare i documenti e il permesso di vendita lungo la spiaggia e, dopo aver ricevuto l'invito degli agenti a seguirli fuori della zona balneare, ha iniziato prima a insultarli e poi ad aggredirli scalciandoli, e brandendo pugni e morsi per evitare di venire immobilizzato.

Grazie all’uso dello spray urticante in dotazione, uno degli agenti, al termine di una colluttazione e con il supporto dei colleghi e anche dei bagnanti, è riuscito ad ammanettare l’immigrato. Pochi minuti dopo, però, sulla spiaggia sono arrivati altri 15 connazionali, che hanno accerchiato i tre vigili e hanno tentato di liberare il "collega" senegalese e a recuperare la merce sequestrata. Anche dal comando della Polizia Locale, chiamati dai tre agenti preoccupati della situazione, sono arrivati i rinforzi, guidati dallo stesso comandante della Polizia.

Il gruppo di senegalesi ha iniziato a scagliare contro gli agenti ombrelloni e lettini. Ma il loro tentativo di blitz non è andato a segno grazie all’intervento anche dei bagnini e del personale del consorzio che hanno permesso alla polizia locale di portare in centrale l’immigrato arrestato. Per lui l’accusa è di rifiuto di generalità, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, ricettazione e vendita di merci con segni falsi e per essere clandestino sul territorio nazionale.

I tre agenti aggrediti sono stati medicati al pronto soccorso e giudicati guaribili in sette giorni. L'assessore alla sicurezza del Comune di Jesolo commenta ringraziando anche gli agenti della municipale: "Episodi come questo sono esempio dell'efficacia dell'attività di contrasto che la Polizia Locale attua dall'inizio della stagione contro il commercio abusivo ambulante, e ribadisco che da parte di questa amministrazione non verrà mai abbassata la guardia per combattere questo fenomeno. Desidero ringraziare gli agenti, i cittadini ed i bagnini del consorzio", continua l'assessore, "che hanno fatto da cordone impedendo al gruppo di senegalesi intervenuto poco dopo, di liberare il senegalese arrestato. In questo fine di stagione i senegalesi si sono fatti più aggressivi, segno evidente che subiscono lo stress dei continui controlli e sequestri effettuati".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica
la lettera di un militante di palermo

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU