Sicilia in piazza

Gli insegnanti del Sud continuano a manifestare contro i trasferimenti al Nord

"Grazie a Renzi ", commenta una insegnante, "mio figlio di sei anni potrà tornare a vivere col padre tra tre anni almeno. Siamo più precari di prima e con le famiglie distrutte"

Fabio Cantarella
Gli insegnanti del Sud continuano a manifestare contro i trasferimenti al Nord

La “Buona Scuola” voluta da Renzi&company continua ad infliggere sofferenze agli insegnanti italiani e, in questo caso, a quelli del Mezzogiorno che in questi giorni protestano senza sosta in tante città per dire un secco “no” alla mobilità che vorrebbe rivoluzionare la loro vita, e quella delle loro famiglie, trasferendoli al Nord.

In settimana in Sicilia, sono andate in scena diverse proteste tra Messina e Palermo; un gruppo d’insegnanti coinvolti nei trasferimenti ha incontrato Luca Girardi, dirigente del servizio Personale della Scuola-Affari Legali presso l’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia. Una vicenda che coinvolge circa seimila docenti nella sola Sicilia anche se 4.600, mettendo in campo il titolo di sostegno , potrebbero  ottenere un’assegnazione provvisoria nella Regione.

“Il rischio è che la Sicilia si svuoti", commenta amareggiata Elizabeth Falcone; "immaginate la mia situazione: mio figlio che oggi ha sei anni non vedrà il padre ed i familiari se non durante festività per almeno tre anni. Possiamo tornare durante le festività? Non è così semplice, parliamo di alta stagione e i costi sono triplicati. Ci sono insegnanti che non possono permettersi neppure di sostenere le spese per il ricorso al tar. Il nostro è uno stipendio appena sufficiente a sopravvivere . La “Buona Scuola” ci rende più precari, altro che sistemazione definitiva". "È vero", continua l’insegnante, "che adesso percepiamo lo stipendio a luglio e agosto, in luogo della disoccupazione, ma per circa mille euro all’anno in più dovremo sostenere spese ben più significative: un altro affitto, altre utenze, oltre alla spaccatura delle nostre famiglie e alla lontananza da casa”.

I sospetti sono rivolti verso l’algoritmo che ha decretato gli spostamenti di sede: “Non hanno mai voluto rendere noti i criteri di scelta non hanno accettato di essere trasparenti", commenta ancora Elizabeth Falcone, "notiamo che ci sono colleghi con un punteggio inferiore  ma che sono riusciti a rientrare in Sicilia ed altri che non hanno mai dovuto lasciarla".

Nel corso dell’incontro di stamani con il dirigente Girardi, un gruppo di dodici insegnanti ha manifestato il proprio disagio di essere vincitori del  concorso primaria   nella Regione Sicilia ma di  aver ricevuto immissione in ruolo nella fase B a Lodi (fase nazionale) e di fatto ancora “esiliati al Nord”. “C’è anche la beffa", svela Elizabeth Falcone, "che i trasferimenti che ci riguardano sono bloccati per tre anni". "Renzi", aggiunge Elizabeth, "si sta giocando il voto degli insegnanti, per lo più di sinistra, adirati da questa riforma che ritengono ingiusta per più aspetti. In tanti voteranno No al referendum costituzionale. Peraltro, si parla già di  un nuovo concorso. Perché non stabilizzare chi è ancora nelle graduatoria e solo quando queste saranno ripulite , pensare a nuove leve?".

Sulla questione si registra anche l’intervento del deputato nazionale Angelo Attaguile, siciliano e presidente nazionale di Noi con Salvini, che ricorda di aver rivolto una interrogazione parlamentare già in maggio al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini “ad oggi rimasta senza il minimo riscontro", chiosa Angelo Attaguile. "Solo questo Governo miope non è stato in grado di prevedere ciò che sarebbe accaduto con la ‘Buona’, si fa per dire, ‘Scuola’".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica
la lettera di un militante di palermo

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU