Doppietta Ducati in MotoGP

Iannone vince il GP d'Austria davanti a Dovizioso. Quarto Rossi

Dopo oltre 6 anni la Ducati torna alla vittoria con una doppietta esagerata. "The Maniac" non lascia scampo al Dovi. Sul podio anche Lorenzo che precede Rossi e Marquez

Fabrizio Berini
Festa Ducati in Austria

Foto ANSA

Doppietta Ducati in Austria con i due Andrea, Iannone e Dovizioso, primo e secondo. Un successo che a Borgo Panigale attendevano da quasi sei anni. Era stato Casey Stoner l'ultimo a tagliare per primo il traguardo in sella alla Rossa delle due ruote, il 17 ottobre 2010, sul circuito di Philip Island. Terzo e quarto posto per le Yamaha di un rinato Jorge Lorenzo, davanti a Valentino Rossi incapace di attaccare il compagno di team. Quinta la Honda di Marc Marquez, il leader del Mondiale è stato in difficoltà per tutto il fine settimana.

E' stata una gara intensa, combattuta nei primi giri con l'arma delle staccate al limite e poi sul filo della velocità pura, conclusasi con il primo successo in MotoGp del pilota di Vasto che l'anno prossimo passerà alla Suzuki. E festeggiata ai box dalla "tifosa" Belen Rodriguez. Ai fini della classifica mondiale, però, è cambiato poco: Marquez resta saldamente in testa alla classifica con 181 punti, Lorenzo ne ha rosicchiati 5 (-43), Rossi appena 2 (-57).

Il successo Ducati era atteso sul Red Bull Ring, circuito dalle medie più elevate del mondiale, sul quale ha primeggiato fin dalle libere grazie alla potenza straripante del suo motore. Sulla griglia di partenza Iannone (autore anche di pole e giro veloce) ha giocato d'azzardo montando la morbida al posteriore, unico tra i top rider: "Con il mio ingegnere di pista ci siamo presi una grande responsabilità, ma alla fine ha pagato". Scelta che negli ultimi 10 giri gli ha consentito di aumentare il ritmo, passare Dovizioso, che invece aveva preferito una mescola dura, ed andare a vincere. "Sono partito senza spingere, anche per risparmiare un po' di benzina ed ora sono felicissimo. Finalmente un grande risultato, dopo quattro anni di lavoro con queste persone stupende. So che a fine stagione andrò via, ma adesso conta solo il presente. Ora si parte per Brno, vediamo quanto saremo competitivi".

L'altra faccia della medaglia Ducati è quella delusa di Dovizioso, che pure non può rimproverarsi nulla: "Ti rode quando la moto va benissimo, sai che hai la velocità per vincere e non ci riesci - il suo sfogo - Verso la fine nelle curve a destra non potevo spingere, la gomma scivolava, non avevo più grip. Eppure non ho mai spinto al 100%, nemmeno a metà gara, proprio per salvare la gomma dietro. Peccato aver perso questa occasione, sappiamo che a Brno le Yamaha saranno molto veloci".

Felice Lorenzo, che con il sole d'Austria ha ritrovato il sorriso, dopo due gare bagnate e da dimenticare. "Per me questo terzo posto è come una vittoria. La Ducati qui era di un altro mondo, eppure sono riuscito a starle vicino. Visto che non sono in crisi?". Nel 2017 la Ducati sarà la sua moto: "Su questa pista ha dimostrato che potenziale ha. Penso che l'anno prossimo potremo fare grandi cose".

Si accontenta Rossi, ma si vede che il risultato gli pesa: "Purtroppo è mancato il guizzo. Mi dispiace perché sarebbe stato importante salire sul podio. Ero vicino a Lorenzo, ma non abbastanza. Prendo questi 13 punti e mi metto al lavoro per essere più competitivo a Brno, ma anche in Repubblica Ceca dovremo fare i conti con le Ducati".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"
"si affida porta ingresso Ue a trafficanti"

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"
quella sinistra che non si rassegna

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"

Mondiali: l'Isis minaccia attentati in un video
i mondiali di calcio russi nel mirino del califfato

Mondiali: l'Isis minaccia attentati in un video

Stadio della Roma: nove arresti per corruzione, anche vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio
anche vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio

Stadio della Roma: nove arresti per corruzione

Balotelli, una maglia per la pelle
Il calciatore italiano si fa paladino degli immigrati. Cosa non si fa per la pubblicità

Balotelli, una maglia per la pelle

Calcio: persino la Francia colonizzata
durante la partita con l'albania

Calcio: persino la Francia colonizzata


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU