Morirono 9 italiani

Bangladesh, arrestato un terrorista islamico accusato della strage di Dacca

A finire in manette è stato Jahangir Alam, alias Rajib, uno dei leader del gruppo fuorilegge Jamaatul Mujahideen Bangladesh, catturato nel distretto di Tangail

Redazione
Bangladesh, arrestato un terrorista islamico accusato della strage di Dacca

Foto ANSA

Le forze di sicurezza del Bangladesh hanno arrestato sabato mattina un altro estremista islamico sospettato di essere coinvolto nella strage del 1 luglio dello scorso anno nel ristorante Holey Artisan Bakery di Dacca, nella quale morirono 20 persone, tra le quali 9 italiani. A finire in manette è stato Jahangir Alam, alias Rajib, uno dei leader del gruppo fuorilegge Jamaatul Mujahideen Bangladesh. L'uomo è stato catturato nel distretto di Tangail, a una settantina di chilometri da Dacca.

Rajib, ha riferito il capo dell'unità anti terrorismo della polizia, Monirul Islam, era ricercato in relazione a diversi atti di terrorismo, tra i quali la strage di Dacca. L'attacco venne rivendicato dallo Stato Islamico, ma le autorità bengalesi hanno avevano sempre tenuto aperta l'ipotesi che si potesse trattare dell'azione di terroristi locali. Negli ultimi sei mesi, nel corso di varie operazioni lanciate dopo la strage, le forze di sicurezza hanno ucciso oltre 40 sospetti terroristi.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU