PM AVEVA CHIESTO ARCHIVIAZIONE

Militare grillino: "NcS razzisti e mafiosi". Il Gip si riserva la decisione

A presentare la querela è stato il vicesindaco leghista di Mascalucia Fabio Cantarella. Sulla questione Angelo Attaguile ha rivolto una interrogazione parlamentare al ministro della Difesa

Redazione
Militare grillino postò: "Noi con Salvini razzisti e mafiosi", Gip si riserva decisione

Una delle frasi incriminate postate dal militare grillino

Si è tenuta davanti al Giudice per le indagini preliminari di Catania, Loredana Pezzino, l'udienza a carico del sottufficiale della Marina militare, militante del Movimento Cinque Stelle, che sulla propria pagina Facebook postò la frase "Noi con Salvini razzisti e mafiosi" e altri insulti alla Lega e al suo leader come "Salvini sei lo schifo della politica", frasi postate con l'intento di screditare i leghisti e il vice sindaco di Mascalucia, nel catanese, Fabio Cantarella politicamente molto attivo nell'hinterland etneo. Il giudice, ascoltate le parti, si è riservato di decidere nei prossimi giorni. 

Nei mesi scorsi suscitò clamore la decisione del pubblico ministero assegnatario del procedimento di archiviare la querela per diffamazione aggravata presentata proprio da Fabio Cantarella, che di professione fa l'avvocato, ritenendo che le frasi postate dal militare rientrassero all'interno dei limiti posti dalla recente giurisprudenza al dibattito politico. Il segretario nazionale di "Noi con Salvini", Angelo Attaguile esternò amarezza e indignazione con la storica frase: "così rischiamo di finire nella giungla". Anche il leader del movimento Matteo Salvini rimase molto perplesso della decisione del pm, invitando Attaguile e Cantarella a presentare opposizione alla incredibile richiesta di archiviazione.

Sulla questione, Angelo Attaguile ha presentato una interrogazione parlamentare al ministro della Difesa per "valutare eventuali provvedimenti per la condotta del militare". A rappresentare in aula "Noi con Salvini" e Fabio Cantarella, è stato l'avvocato Antonella Nigrone del foro di Palermo che ha argomentato citando numerosa giurisprudenza in merito e insistendo sulla richiesta di giudizio a carico del militare che a tutt'oggi non ha neppure ritenuto di doversi scusare.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Scontro tra PD e M5S
stracci volanti In Consiglio Comunale

Ius soli, a Torino è scontro tra PD e M5S

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU