governo e bugie

Stop ad Equitalia? Ennesima cazzata...

L'agenzia di riscossione ottiene una nuova proroga di sei mesi nel decreto Enti Locali, nonostante gli annunci propagandistici di Renzi, che raccontava di volerla rottamare

Redazione
Stop ad Equitalia? Ennesima cazzata...

Foto ANSA

Siamo di fronte all’ennesima bugia di Renzi, che prima annuncia di voler chiudere Equitalia ma poi fa un decreto per allungarle la vita di altri sei mesi. E, ormai, sembra chiaro che, questa, non sarà l’ultima proroga. Il decreto legge è del 2011, e prevede che le amministrazioni comunali non avrebbero più dovuto affidare a Equitalia i servizi di "accertamento, liquidazione e riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate, tributarie o patrimoniali, dei Comuni e delle società da essi partecipate", optando per la riscossione diretta o l'affidamento a terzi tramite gara pubblica. La scadenza iniziale perché questa rivoluzione avvenisse era stata fissata inizialmente al 1 gennaio 2012 ma è progressivamente slittata, con qualche ritocco normativo, prima al 30 giugno 2016 e ora, con l'ennesimo decreto Enti locali del governo Renzi, al 31 dicembre 2016.

La cosa che più scoccia è il modo. Il solito modo. Era il 18 maggio di quest'anno quando, con lo sguardo fiero e il tono baldanzoso del tipo "son figo solo io", Matteo Renzi, in diretta su Facebook per un #Matteorisponde, prendeva per i fondelli, di nuovo, tutti gli italiani contribuenti con un: "La diamo una notizia? Stiamo riorganizzando le agenzie e credo che Equitalia al 2018 non ci arriva". Un mese dopo, 20 giugno, il Governo vara in Consiglio dei ministri il decreto Enti Locali, che contiene l'ennesima proroga, di altri sei mesi, dell'affidamento a Equitalia della riscossione nei Comuni. Una decisione che grida "al lupo" con le dichiarazioni di Renzi di appena un mese prima, andando esattamente nella direzione opposta.

Probabilmente il motivo principale di questa proroga è dato dal fatto che, molti Comuni, di fronte all'incertezza normativa e ai continui rinvii, non si sono messi in regola negli anni e che quindi, se la scadenza fosse portata a termine, si ritroverebbero di fatto senza nessuno che riscuota i tributi. Ma questo non giustifica certo la superficialità con cui il Governo continua a "spostare" il problema. Lo stesso Ernesto Maria Ruffini, amministratore di Equitalia, non gradisce la continua incertezza governativa e non si risparmia la bacchettata a Renzi e ai suoi: "La situazione attuale vede Equitalia chiamata a svolgere un ruolo di mera supplenza in attesa che il Comune provveda a organizzarsi e lasci quindi all'iniziativa dei singoli enti l'impronta da dare alla riscossione locale. Il risultato è un sistema frammentato, privo, a differenza di quello che avviene in altri Paesi, di un modello organizzativo valevole su scala nazionale. A mio avviso, è ora che il problema sia affrontato senza continuare a rinviare la soluzione".

Non serve dire che l'appello di Ruffini è rimasto lettera morta. Così come l'annuncio di Renzi di maggio scorso sull'addio ad Equitalia, di cui al momento, non parla più nessuno e su cui anche parte del governo è dubbioso. Il problema vero, crediamo noi, non sia la mera chiusura di Equitalia. Che sia Equitalia o un altro ente a strozzare i contribuenti, non cambia certo la situazione. Da chiudere, o perlomeno rivedere, sono le posizioni di milioni di contribuenti che non saranno mai in grado di pagare le cifre assurde tra imposte, interessi e sanzioni che si sono accumulate per effetto della disastrosa recessione economica. Quello che serve, non è la diretta Facebook delle false promesse di Renzi, bensì una rivoluzione fiscale. Se vogliamo che veramente l'Italia riparta.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU