Contro l'invasione

La premier polacca: "Difenderemo i nostri confini dai clandestini"

Beata Szydło ha avuto un colloquio di 30 minuti con Papa Francesco: famiglia e immigrazione i temi al centro dell'incontro

Alessio Colzani
La premier polacca: "Difenderemo i nostri confini dai clandestini"

Il primo ministro polacco Beata Szydło a colloquio con Papa Francesco. Foto ANSA

La premier della Polonia, Beata Szydło, è stata ricevuta in Vaticano da Papa Francesco per un colloquio privato, durato 30 minuti, nel corso del quale hanno parlato della famiglia e del contributo della Chiesa nella società polacca, ma anche di clandestini e accoglienza. La Szydło, cattolica praticante e madre di un prete, è tornata in Polonia in serata. La premier è esponente del partito Diritto e giustizia (PiS), forza nazionalista, populista ed euroscettica sostenuta da una larga fetta dell'episcopato polacco il cui leader, Jaroslaw Kaczynski, ha a più riprese opposto un no senza appello all'accoglienza indiscriminata e alle "ingerenze dell'Europa" che vorrebbe "imporre ai Paesi sovrani il meccanismo delle quote" per accogliere nel Paese "immigrati che portano malattie". La premier, conversando con i giornalisti di lingua polacca, ha riferito di aver parlato nei colloqui con il Papa della prossima Gmg e della situazione in Europa, e del progetto polacco di sostegno alle famiglie detto "500+". Si tratta di un programma, in vigore dal primo aprile, per cui a chi ha più di un figlio, viene concesso un contributo mensile di 500 sloty, circa 120 euro al mese, per ogni figlio oltre il primo.

"Più sicurezza ai nostri confini, con truppe permanenti sul territorio, perché le decisioni prese finora non sono sufficienti per proteggerci. Quello che la Polonia sta facendo - spiega la Szydło in un'intervista al quotidiano La Stampa - è affrontare con un approccio molto razionale la situazione della sicurezza in questa parte specifica dell'Europa. Dopo quello è successo, difenderemo i nostri confini e i cittadini polacchi dal terrorismo. Noi siamo in Europa, ne facciamo parte a pieno titolo, con i diritti e i doveri che ne conseguono. Non ci tiriamo indietro - prosegue la premier polacca - e quando si parla solidarietà tra Stati europei e membri Nato vorrei ricordare che in Polonia la parola solidarietà ha una connotazione molto simbolica; significa avere gli stessi doveri ma anche gli stessi dritti, e comprendere i problemi degli altri». Dal 26 al 31 luglio prossimi papa Francesco sarà a Cracovia per presiedere la giornata mondiale della gioventù.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Re Giorgio: "Pago di tasca mia"
La replica di Napolitano alle polemiche sulle sue vacanze

Re Giorgio: "Pago di tasca mia"

La megamoschea di Sesto non si farà. Esulta la Lega
stoppata dalla nuova giunta di centrodestra

La megamoschea di Sesto non si farà. Esulta la Lega

Clandestini a casa tua. Sindaco del Messinese: "Violenza istituzionale"
il primo cittadino di Castell'Umberto si ribella

Clandestini a casa tua. Sindaco del Messinese: "Violenza istituzionale"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU