Le mosse del governo conservatore

L'Inghilterra costruisce prigioni in Africa. Per rispedire i carcerati stranieri a casa loro

L'annuncio del ministro degli Esteri Boris Johnson, mentre l'Italia governata dal PD per i criminali d'importazione resta un "paradiso penale"

Redazione
L'Inghilterra costruisce prigioni in Africa. Per rispedire i carcerati stranieri a casa loro

Foto ANSA

Rispedire i detenuti nei paesi d’origine. L’Inghilterra per farlo s’adopera costruendo carceri in Nigeria. Come scrive Fausto Biloslavo sul Giornale, il governo conservatore ha annunciato l’edificazione a proprie spese dell’ala di una prigione a Lagos con 122 posti letto, attraverso uno stanziamento pari a 788mila euro, soldi derivanti dal fondo per il contrasto all’immigrazione clandestina. L’obiettivo è rimpatriare i 270 nigeriani che soggiornano nei penitenziari britannici.

Ogni straniero detenuto in Gran Bretagna costa al contribuente 40mila euro l’anno. Siccome la prigione nigeriana di massima sicurezza ha una storia di sovraffollamento e violenze, il ministro degli Esteri Boris Johnson ha annunciato che “aiutare la Nigeria a migliorare le condizioni penitenziarie permetterà di trasferire un maggiore numero di detenuti nigeriani liberando posti nelle carceri del Regno Unito”, dato che la nuova sezione costruita dal governo britannico risponderà ai criteri di vivibilità previsti dall’Onu. Non solo. Gli inglesi stanno potenziando e concludendo accordi bilaterali per il rimpatrio dei detenuti con Albania, Ruanda, Libia e Giamaica.

Mentre in Italia rispedire nel proprio paese i detenuti stranieri è praticamente impossibile. Oggi un carcerato su tre è straniero (il 34,3% della popolazione carceraria, pari a 19.745 individui secondo la statistica dello scorso dicembre), con punte del 50% in diverse prigioni del Nord. Del resto i criminali d’importazione, siano essi africani, albanesi o romeni, considerano l’Italia un “paradiso penale”, come ha dichiarato recentemente Ignazio De Francisci, procuratore generale presso la Corte d'Appello di Bologna.

Consentire che i delinquenti stranieri scontino la pena nei paesi d’origine, servirebbe anche ad abbattere i costi di gestione e a risolvere il problema del sovraffollamento. Illuminante in tal senso la dichiarazione rilasciata lo scorso anno da Santi Consolo, capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria: “Il sovraffollamento delle nostre carceri è figlio della presenza di detenuti stranieri, che potrebbero scontare la pena nei loro Paesi di origine”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Menoona Safdar, la ragazza residente in provincia di Monza e trattenuta in Pakistan dal 2017 contro la sua volontà, torna in Italia
trattenuta a forza dalla famiglia integralista

La giovane pakistana sequestrata torna in Italia. Grazie alla Lega

Il PD e quella opposizione “da cani”
STATE ATTENTI AI CANI FASCISTI, LA FOLLIA DEM

Il PD e quella opposizione “da cani”

Volto della Misericordia, intervista a don Mauro Malighetti
prevosto della basilica minore di besana brianza

Volto della Misericordia, intervista a don Mauro Malighetti

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU