emergenza coronavirus

Boccia: "Non possiamo spegnere gli interruttori del Paese"

"Fontana ha tutto il nostro sostegno, ma resta poco da chiudere. Il 90% dei lombardi, come di tutti gli italiani, è a casa"

Redazione
Boccia: "Non possiamo spegnere gli interruttori del Paese"

 "Non è possibile chiudere tutto. Se spegni tutti gli interruttori del Paese, spegni le luci anche negli ospedali. Bisogna consentire ad alcune centinaia di migliaia di eroine ed eroi quotidiani di fare il loro lavoro nella sanità. La filiera sanitaria deve funzionare". Lo puntualizza il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, che in un'intervista al Corriere della Sera frena le richieste di ulteriori giri di vite, dopo le numerose restrizioni già attuate dal governo. "La paura è giustificata. Mentre nel commercio puoi selezionare le categorie e togliere quelle non vitali - aggiunge - i sistemi produttivi sono interconnessi. Gli interruttori li stacchi giorno dopo giorno, se vuoi evitare che salti tutto per aria".

"Per consentire agli italiani di restare a casa, anche la filiera agroalimentare deve andare avanti, da chi munge la vacca a chi compra e vende il seme da piantare nella terra. Per consentire al Paese di funzionare, anche se al 10%, servono l'energia, i carburanti, i trasporti e la logistica. Se non si producono i cartoni o le buste di plastica, dove lo mettiamo il cibo che arriverà nelle case? Su questi quattro pilastri poggia il funzionamento del Paese". 

Abbiamo dovuto lottare - prosegue il ministro per gli Affari regionali - per dire a chi voleva chiudere tutto che l'Autogrill in autostrada non è un lusso, ma è il panino per chi fa mille chilometri al giorno trasportando merci da una parte all'altra del Paese, senza ristoranti, senza alberghi, dormendo dentro le cabine dei tir". Boccia, infine, assicura che tra presidenti delle regioni e governo c'é piena collaborazione, anche con il governatore della Lombardia. "Fontana ha tutto il nostro sostegno, ma resta poco da chiudere. Il 90% dei lombardi, come di tutti gli italiani, è a casa". C'è il rischio che dobbiate chiudere farmacie e supermercati? "No - ribatte Boccia - se restiamo in casa e rispettiamo le regole. Sicuramente chiuderanno gradualmente alcuni cantieri, ma non quelli strategici che servono a evitare incidenti mortali sulle strade".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Conti... mal fatti
italia con la mano tesa?

Conti... mal fatti

Pandemia, Salvini chiede il reset totale
"Mettere in campo subito almeno duecento miliardi"

Pandemia, Salvini chiede il reset totale


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU