SCHEGGE DVRACRVXIANE

Perché immigrazione fa rima con privatizzazione (soprattutto sanitaria)

Non serve un pallottoliere per capire che, col drammatico calo demografico in atto, le file negli ospedali non esisterebbero senza gli immigrati...

Helmut Leftbuster
Perché immigrazione fa rima con (soprattutto sanitaria)

L’intuitività dei vantaggi che l’apparato capitalista-progressista-globalista riceve dall'immigrazione (sfruttamento del sottocosto, disarcionamento delle conquiste sindacali, apparente rivendicazione dei diritti d’uguaglianza e dell’antirazzismo), artificioso fenomeno che non a caso si sbatte così alacremente a incentivare, non deve farci perdere di vista altri fondamentali snodi eziologici che sono dietro al mantra dell’accoglienza forzata e in generale al progetto di sostituzione dei popoli europei.
Uno dei maggiori disagi che un cittadino subisce dovendo affrontare un percorso di cure è l’attesa; attesa che, soprattutto in determinati segmenti sanitari (pronto soccorso, oncolologia, terapia intensiva ecc), può arrivare a fare la differenza fra la vita e la morte.

Ebbene, è anzitutto lì che le strade dei ricchi si dividono da quelle dei poveri. Perché, pur senza case a Montecarlo, nessuno se la rischierebbe ad aspettare, soprattutto in fase diagnostica; e così, anche il cittadino medio, a costo di indebitarsi, preferisce pagarsi analisi, tac e quant’altro, lasciando in fila presso le strutture pubbliche frotte di immigrati e qualche poveraccio rimasto a fronteggiarne un assedio che spesso trascende in aggressioni al personale sanitario (riportate poi dalla stampa politicamente corretta come generica “inciviltà tipicamente italiana”).

Ora, non serve un pallottoliere per capire che, col drammatico calo demografico in atto, le file negli ospedali non esisterebbero senza gli immigrati; e che senza quelle file nessuno sarebbe costretto, con quello che paghiamo di tasse, a ricorrere ad una sanità privata che vampirizza proprio quella vituperata “classe media” obbligata a ricorrervi per potersi curare con tempistiche degne d’un paese civile.
Ovviamente lo stesso vale per l’accesso alle case popolari, alla mobilità pubblica, alle mense, insomma a tutto ciò che il ceto medio è costretto ad evitare perché diventato inavvicinabile, ma che è altresì forzato a mantenere con le proprie tasse senza nemmeno poterne beneficiare.

Va aggiunto che, beffa nella beffa, quelle risorse finanziare che dovrebbero essere destinate alla sanità pubblica, sono in realtà drenate verso il mega “accoglienzificio” di cui certo non usufruiscono i bisognosi italiani (come riporta Il Giornale del 5 3 20 in un dettagliato articolo relativo all'inadeguatezza delle strutture da dispiegare per emergenze nazionali come il coronavirus). E poi tocca pure sentirsi dire “ok boomer” da qualche pischello leccaculo di questo indegno sistema, che non ha ancora la più pallida idea di quale orrendo futuro i suoi burattinai progressisti gli stiano apparecchiando mentre lo lasciano ingozzare di apericena a 2 euro.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Bergamo, coop dell'accoglienza nella bufera. Lega sulle barricate
inchiesta sui fondi per i richiedenti asilo

Bergamo, coop dell'accoglienza nella bufera. Lega sulle barricate

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Nel milanese piscine per sole musulmane
DISCRIMINAZIONE A ROVESCIO

Nel milanese piscine per sole musulmane

Grace Jones denuncia: "Mi hanno molestata"
"mi offrì sesso e champagne"

Grace Jones denuncia: "Mi hanno molestata"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU