Rito abbreviato per tre

Rifiuti "d'oro" a Catania: tre patteggiamenti

Al centro dell'inchiesta un appalto da circa 350 milioni di euro in tre anni

Redazione
Appalti rifiuti a Catania: tre patteggiamenti

Tre anni e il versamento al Comune di Catania di 9.100 euro, corrispondente al pagamento dell'affitto a Roma della casa della figlia da parte dell'impresa 'favorita'. E' la condanna, per corruzione, comminata col patteggiamento all'ex ragioniere generale dell'Ente, Massimo Rosso nell'ambito dell'inchiesta 'Garbage affair', nata da indagini della Dia su un appalto per la raccolta di rifiuti per 350 milioni di euro. Concordata con la Procura, è stata accettata dal Gup Pietro Nunzio Currò, così come i patteggiamenti di altri due imputati: 4 anni di reclusione per Orazio Fazio, funzionario del Comune di Catania, per turbata libertà degli incanti, corruzione e falso ideologico; e 3 anni e 4 mesi per l'imprenditore Antonio Deodati della Eco.Car srl, per turbata libertà degli incanti e due casi di corruzione.


Davanti al Gup Giovanni Cariolo, nell'ambito della stessa inchiesta, hanno chiesto l'acceso al rito abbreviato l'imprenditore Francesco Deodati della Eco.Car srl, Antonio Natoli, dirigente dell'Ipi e del consorzio Senesi e la società Eco.Car srl. La prima udienza del processo è stata fissata per il prossimo 15 novembre. Domani proseguirà l'udienza preliminare per gli ultimi due imputati: Leonardo Musumeci, Rup della gara, e Salvatore Catanzaro, dipendente del Comune di Catania. 

Al centro dell'inchiesta, coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall'aggiunto Sebastiano Ardita e dai sostituti Fabio Regolo e Alessandra Tasciotti, le indagini della Dia di Catania, diretta da Renato Panvino, sulla controversa assegnazione dei lavori per la raccolta dei rifiuti a Catania che dopo un intervento del Tar ha sospeso il vecchio appalto valido fino al 2016 e ne ha realizzato uno 'ponte', visto che tre gare erano andate deserte. Un appalto da circa 350 milioni di euro in tre anni.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Menoona Safdar, la ragazza residente in provincia di Monza e trattenuta in Pakistan dal 2017 contro la sua volontà, torna in Italia
trattenuta a forza dalla famiglia integralista

La giovane pakistana sequestrata torna in Italia. Grazie alla Lega

Il PD e quella opposizione “da cani”
STATE ATTENTI AI CANI FASCISTI, LA FOLLIA DEM

Il PD e quella opposizione “da cani”

VIDEO / IperDi, un migliaio di lavoratori a rischio
protesta a milano davanti al pirellone

VIDEO / IperDi, un migliaio di lavoratori a rischio

Sopravvissuto al ponte Morandi: "Qualcuno paghi"
Ardini era rimasto appeso all'auto a venti metri di altezza

Sopravvissuto al ponte Morandi: "Qualcuno paghi"

Napoli, parcheggiatore abusivo: "Dammi i soldi o ti rompo l'auto"
Aveva chiesto ad automobilista il pagamento di 3 euro

Napoli, parcheggiatore abusivo: "Dammi i soldi o ti rompo l'auto"

Bimbo di un anno ucciso dal padre con un coltello
Nel corso di una lite familiare nel Mugello

Bimbo di un anno ucciso dal padre con un coltello


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU