In 6.866 alle urne

Ilva, Taranto dice Sì all'intesa con Mittal

La percentuale dei votanti è stata del 63%, con una astensione del 37%. La percentuale dei contrari è stata del 5,7%

Redazione
Ilva:Taranto dice Sì a intesa con Mittal

Foto ANSA

Giovedì Taranto ha detto sì all'accordo con Arcelor Mittal con una percentuale plebiscitaria di 'Sì' del 94%. I votanti sono stati 6.866, favorevoli 6.452, contrari 392, astenuti 12. Affluenza bassa. Avevano diritto 10.805. Le schede bianche sono state 12. Le nulle 10.

La percentuale dei votanti è stata del 63%, con una astensione del 37%. La percentuale dei contrari è stata del 5,7%. Secondo fonti sindacali la percentuale dei Sì per tutto il gruppo è del 93%.


Ed è stato raggiunto l'accordo al Mise; la multinazionale dell'acciaio Arcelor Mittal è pronta ad entrare nell'Ilva per gestirla. E Taranto, dove l'Ilva ha lo stabilimento più grande, spera di voltare finalmente pagina dopo sei anni, a partire dal sequestro del luglio 2012, vissuti sempre sul filo del rasoio. Più che soddisfatti i sindacati per il risultato del voto: da Genova a Novi Ligure, da Marghera a Racconigi, l'accordo dello scorso 6 settembre ha superato con ampiezza la prova del voto.

Il clima era favorevole già da lunedì scorso quando i sindacati a Taranto, visto l'andamento delle prime assemblee di fabbrica, dissero che si prefigurava un buon consenso. La vittoria del sì era dunque attesa, ma la percentuale elevata di Taranto, la più alta di tutta la consultazione, costituisce
per Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb una soddisfazione in più. Ci si attendeva più affluenza al voto rispetto al 63% registrato? No, spiegano fonti sindacali, perché con soli quattro giorni di assemblee e 3500 persone fuori dalla fabbrica tra ferie e cassa integrazione (ma ci sono stati comunque
cassintegrati che hanno partecipato alle assemblee), il dato dell'affluenza è da ritenersi comunque positivo.

   

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Menoona Safdar, la ragazza residente in provincia di Monza e trattenuta in Pakistan dal 2017 contro la sua volontà, torna in Italia
trattenuta a forza dalla famiglia integralista

La giovane pakistana sequestrata torna in Italia. Grazie alla Lega

Il PD e quella opposizione “da cani”
STATE ATTENTI AI CANI FASCISTI, LA FOLLIA DEM

Il PD e quella opposizione “da cani”

Volto della Misericordia, intervista a don Mauro Malighetti
prevosto della basilica minore di besana brianza

Volto della Misericordia, intervista a don Mauro Malighetti

VIDEO / IperDi, un migliaio di lavoratori a rischio
protesta a milano davanti al pirellone

VIDEO / IperDi, un migliaio di lavoratori a rischio

Sopravvissuto al ponte Morandi: "Qualcuno paghi"
Ardini era rimasto appeso all'auto a venti metri di altezza

Sopravvissuto al ponte Morandi: "Qualcuno paghi"

Napoli, parcheggiatore abusivo: "Dammi i soldi o ti rompo l'auto"
Aveva chiesto ad automobilista il pagamento di 3 euro

Napoli, parcheggiatore abusivo: "Dammi i soldi o ti rompo l'auto"

Bimbo di un anno ucciso dal padre con un coltello
Nel corso di una lite familiare nel Mugello

Bimbo di un anno ucciso dal padre con un coltello


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU