ceruti: "i buonisti di sinistra riflettano"

Sgominata tratta di nigeriane "richiedenti asilo". Quando l'integrazione dem è un fallimento

Le vittime "prima di essere costrette a vendersi, entravano nel sistema di accoglienza e formalizzavano la richiesta di protezione internazionale"

Redazione
Sgominata tratta di nigeriane "richiedenti asilo". Quando l'integrazione dem è un fallimento

Foto generica

La squadra mobile di Brescia ha eseguito martedì un`ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre cittadini nigeriani ritenuti responsabili dei reati di tratta di esseri umani e sfruttamento della prostituzione. Secondo quanto riferito dalla polizia, le indagini coordinate dalla Dda bresciana hanno permesso di individuare in provincia di Brescia i terminali (un uomo e una donna) di una organizzazione con base in Libia e in Nigeria dedita a favorire l'ingresso di ragazze da avviare alla prostituzione. Il terzo arresto riguarda invece una donna che operava a Torino ed è attualmente domiciliata nel mantovano.

Attraverso la collaborazione dello Sco e dei canali di cooperazione con la polizia nigeriana, è stato identificato anche uno dei componenti del gruppo criminale operante all'estero, che aveva il compito di trasferire le vittime di tratta dalla Nigeria alla Libia, dove venivano imbarcate per farle giungere sulle coste italiane.

"L'attività investigativa ha confermato le caratteristiche tipiche delle organizzazioni nigeriane dedite alla tratta di esseri umani finalizzate allo sfruttamento sessuale ed in particolare il ricorso a riti magici (juju) e le minacce ai danni dei familiari in patria, strumenti volti a coartare la volontà delle vittime, costrette a versare ai loro aguzzini somme variabili tra i 20 e i 30 mila euro, quale riscatto per affrancarsi dalla madame" ha spiegato la polizia, sottolineando che proprio per garantire alla sfruttatrice una rendita per un apprezzabile periodo di tempo, le ragazze, prima di essere avviate alla prostituzione entravano nel sistema di accoglienza e formalizzavano la richiesta di protezione internazionale.

Tale escamotage le rendeva di fatto inespellibili fino al termine della procedura per il riconoscimento dello status di rifugiati, che ha una durata molto lunga. Una volta formalizzata la domanda di asilo le vittime venivano indotte a scappare dal centro di accoglienza e costrette a prostituirsi, iniziando a pagare l`oneroso debito. Nel corso dell`indagine, nella quale risultano complessivamente indagati sei cittadini nigeriani, è stata raccolta la drammatica denuncia di tre vittime, che dopo aver deciso di affrancarsi dai loro sfruttatori, hanno raccontato tutte le fasi del loro reclutamento e le angherie che hanno
dovuto subire durante il viaggio, costituite da violenze fisiche, abusi sessuali e restrizioni forzate presso centri di detenzione libici.

“Complimenti alla squadra mobile di Brescia che questa mattina ha sgominato una banda di nigeriani specializzati nella tratta di ragazze africane da avviare alla prostituzione, dopo averle fatte ridotte in schiavitù con la minaccia di riti magici”. Così il consigliere regionale leghista Francesca Ceruti commenta l'operazione.

“Si tratta di una vicenda triste e squallida. Questi aguzzini imponevano una cifra esorbitante, 20-30mila euro, alle ragazze per essere riscattate e tolte dalla strada. Ma ciò che maggiormente stupisce e scandalizza è che le giovani schiave, prima di essere costrette a vendersi, entravano nel sistema di accoglienza e formalizzavano la richiesta di protezione internazionale. Dopo di che venivano fatte fuggire dai centri accoglienza e portate sulla strada a prostituirsi”, continua Ceruti.


“Tutto questo”, conclude il consigliere leghista, “dovrebbe far riflettere gli eterni buonisti della Sinistra che ci derivano quando dicevamo che queste persone vanno aiutate a casa loro e continuano invece a predicare l'accoglienza incontrollata, senza rendersi conto delle conseguenze che essa comporta. Conseguenze che una volta di più sono sotto i nostri occhi. Se è questo il modello di accoglienza e integrazione della Sinistra, è miseramente fallito”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni. Che scoppia a piangere
rabbia e indignazione per la "sparata" del sultano

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni

Sana Cheema, i parenti non si trovano
accusati in italia di omicidio

Sana Cheema, i parenti non si trovano

"Risorsa" rumena deruba avvocato: colf in manette a Foggia
INDAGINI POLIZIA PER IDENTIFICAZIONE COMPLICI

"Risorsa" rumena deruba avvocato: colf in manette a Foggia

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU