Operazione dei Carabinieri

Furti, estorsioni e spaccio: dieci nomadi arrestati e dodici indagati a Benevento

Comunicavano in un dialetto sinti, una lingua difficile e utilizzata soltanto da poche comunità. Studiavano con attenzione i movimenti e le case delle vittime

Redazione
Furti, racket e spaccio di droga: 10 nomadi arrestati e 12 indagati a Benevento

Un campo nomadi

Dieci persone sono state arrestate dai Carabinieri in provincia di Benevento in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Benevento, su richiesta della locale Procura. Le ipotesi di reato vanno a vario titolo dal furto allo spaccio di sostanze stupefacenti e all'estorsione. Il blitz è scattato mercoledì mattina ad opera dei militari della compagnia di Cerreto Sannita. "È una delle risposte che con la nostra attività abbiamo dato agli appelli di alcuni sindaci per frenare l'ondata di furti in provincia di Benevento": così il procuratore della Repubblica di Benevento, Aldo Policastro, ha commentato l'operazione che ha portato in carcere dieci persone, mentre altre dodici risultano indagate, con le accuse di racket e spaccio.

Nel mirino degli inquirenti undici furti messi a segno tra gennaio e novembre del 2017 tra la Valle Telesina e l'Alto Casertano. La banda di nomadi prima di operare studiava con attenzione i movimenti e le case delle vittime. "I ladri - ha detto poi il procuratore aggiunto Giovanni Conzo - comunicavano tra di loro in un dialetto sinti, una lingua difficile utilizzata solo da poche comunità, tant'è che non abbiamo trovato in tutta Italia interpreti in grado di tradurre. Alle donne era affidato il compito di nascondere gioielli e altro materiale rubato". Il capitano Francesco Ceccaroni, comandante della Compagnia di Cerreto Sannita, ha concluso: "Si tratta di persone che in maniera strutturata mettevano a segno numerosi furti non occasionali ma pianificati nel massimo dettaglio".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Menoona Safdar, la ragazza residente in provincia di Monza e trattenuta in Pakistan dal 2017 contro la sua volontà, torna in Italia
trattenuta a forza dalla famiglia integralista

La giovane pakistana sequestrata torna in Italia. Grazie alla Lega

Il PD e quella opposizione “da cani”
STATE ATTENTI AI CANI FASCISTI, LA FOLLIA DEM

Il PD e quella opposizione “da cani”

Milano, mignotte "China" addio
giro di vite sui bordelli cinesi

Milano, mignotte "China" addio


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU