renzi senza vergogne

L'ultima balla del Bomba: "Il fallimento di Mps? Colpa del referendum"

"Non vedo l'ora", ha dichiarato a Repubblica, "che parta la commissione di inchiesta per fare chiarezza sulle vere responsabilità, dai politici ai manager ai controllori istituzionali"

Redazione
L'ultima balla del Bomba: "Il fallimento di Mps? Colpa del referendum"

Non sa più che balle inventare, l'ex Presidente del Consiglio, pur di giustificare il vergognoso sostegno del Governo alla banca del PD. E così, tira fuori che il fallimento di Montepaschi, iniziato molto tempo addietro grazie anche agli "insolventi" di casa PD, sarebbe colpa della vittoria del No al referendum. "Ho detto in pubblico quel che ho ripetuto a tutti gli investitori stranieri. Avevamo creato le condizioni per un investimento estero importante - il fondo del Qatar - che ha detto no il giorno dopo il referendum per l'instabilità politica. Non ci sarebbe stata operazione pubblica da venti miliardi con la vittoria sulle riforme".


Questa la panzana sparata dall'ex premier Matteo Renzi in un'intervista a Repubblica, in cui si dice convinto che investire in Mps sarebbe stato un buon affare, se solo al referendum costituzionale a dicembre avesse vinto il sì anziché il no. Come se non bastasse, più in generale, "interferenze del suo governo e conflitti di interesse sulle crisi bancarie, da Mps a Banca Etruria" per Renzi rappresenterebbero una "clamorosa menzogna". E "non vedo l'ora", ha sottolineato, "che parta la commissione di inchiesta per fare chiarezza sulle vere responsabilità, dai politici ai manager ai controllori istituzionali".

Evidentemente Renzi sente odore di campagna elettorale e, anziché godersi le ferie in Trentino ed un sano (quanto auspicato da milioni di italiani) anonimato politico, torna alla ribalta. E sfodera il consueto campionario. E nega anche sua interferenza sull'avvicinamento al vertice della banca. "Sfido chiunque", afferma, "a dimostrare che ho preso posizione contro Viola o a favore di Morelli. Piuttosto, sulle banche abbiamo perso con Monti la vera occasione di fare la bad bank come la Merkel. Ci sono responsabilità politiche decennali. E sul Monte prima o poi qualcuno racconterà la vera storia, da Banca 121 a Antonveneta. A proposito, vediamo cosa dirà la commissione di inchiesta sulle popolari venete". Ma la gente non è sciocca e, soprattutto, non ha quella memoria a breve termine sulla quale l'ex Premier evidentemente cerca di fare affidamento...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU