telefono antiusura

Mascalucia: lotta a pizzo e racket. Il nostro Cantarella in prima linea

Il vicesindaco della città siciliana, assieme al presidente dell'associazione“Rocco Chinnici”, Claudio Risicato, tornano in campo contro la criminalità organizzata. E spiegano alle vittime come difendersi

Alfredo Lissoni
Mascalucia: lotta a pizzo e racket. Il nostro Cantarella in prima linea

Fabio Cantarella e Claudio Risicato, in campo contro la mafia

“La Libertà non ha pizzo”. E ancora: “La mafia sputa sulla tua dignità e ruba il futuro a te e ai tuoi figli”. Questa frasi campeggiano sul nuovo volantino antiracket predisposto dal Comune di Mascalucia, con l’assessore alle Attività produttive Fabio Cantarella in prima linea, e con l’associazione antiracket e antiusura “Rocco Chinnici”, presieduta da Claudio Risicato, aderente al sistema Confcommercio. Uniti per dire no alla mafia. Si tratta di un’iniziativa simile a quella già messa in atto nel 2014, che si prefigge d’incoraggiare le vittime di estorsione e usura a denunciare all’autorità giudiziaria, per "liberarsi per sempre dal peso" del racket.

A partire da domani, sarà, anche questa volta, l’assessore (e vicesindaco) Cantarella a recarsi personalmente nei vari esercizi commerciali del paese per convincere gli esercenti a sporgere denuncia contro i criminali del pizzo, informandoli al contempo delle iniziative adottate dallo Stato a tutela delle vittime di racket e usura e dallo stesso Comune di Mascalucia, a tutela della loro sicurezza ed incolumità personale.

“Grazie alla seria e concreta disponibilità dell’associazione ‘Rocco Chinnici’, con in testa il dott. Risicato, e alla Confcommercio", spiega il vicesindaco, "anche questa volta mettiamo a disposizione di commercianti e imprenditori due numeri telefonici ai quali è possibile chiedere assistenza per denunciare racket e usura. Garantiamo assistenza morale, giuridica e la tutela della privacy. E anche l’anonimato,  se necessario”. I numeri che è possibile contattare sono il 393.8157098 e il 340.4080206.

“Riprendiamo con più forza l’esperienza già realizzata nel 2014", ribadisce Claudio Risicato, "che rilanciamo alla luce dell’importante operazione portata a compimento nei giorni scorsi dal Comando provinciale dei Carabinieri su mandato della direzione distrettuale antimafia. Operazione che ha portato all’arresto di due estorsori uno dei quali colto in flagranza di reato mentre incassava una busta con quattrocento euro in un punto vendita del settore elettrico ubicato a Mascalucia”.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Immigrati, chi ci campa?
accoglienza e bastonate

Immigrati, chi ci campa?

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita
carpi, Vittima 19enne per bottino da 100 euro

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita

Incidente causato da Paolini, la donna più grave è morta
accusa di omicidio stradale per l'attore

Incidente causato da Paolini, la donna più grave è morta

Igor il russo: "Dio mi ha ordinato tre omicidi"
il killer serbo agli psicologi del carcere

Igor il russo: "Uccidevo per conto di Dio"

Maltrattavano i bambini dell'asilo, tre anni all'ex titolare
A maestra e a ex coordinatrice 16 mesi e 7 mesi

Maltrattavano i bambini dell'asilo, tre anni all'ex titolare


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU