la denuncia di amnesty

Sudanesi bloccati in casa. Impossibile lasciare il Paese

Migliaia di persone hanno raggiunto il confine meridionale del paese e cercano, per il momento invano, di varcare il confine con l'Uganda

Redazione
Sudanesi bloccati in casa. Impossibile lasciare il Paese

C'è chi svuota le patrie galere e ce li manda tutti qua e chi invece i confini li chiude e la popolazione se la tiene ben stretta. A casa propria. Amnesty International ha accusato le forze di sicurezza del Sud Sudan di impedire l'uscita dal Paese, in evidente violazione del diritto alla libertà d'espressione. Due compagnie aeree hanno riferito all'organizzazione per i diritti umani di aver ricevuto ordine di non accogliere a bordo cittadini del Sud Sudan, in particolare di sesso maschile.

Un'organizzazione non governativa ha denunciato che a un suo dipendente sud-sudanese è stato impedito di imbarcarsi su un volo diretto in Uganda. "Questo atteggiamento da parte delle forze di sicurezza del Sud Sudan è del tutto inaccettabile. Le autorità devono rispettare il diritto alla libertà di movimento, compresa quella di lasciare il paese", ha dichiarato venerdì Elizabeth Deng, ricercatrice di Amnesty International sul Sud Sudan. "È assolutamente importante che le due parti in conflitto non ostacolino l`accesso sicuro dei civili a luoghi di riparo, sia all'interno che all'esterno del paese", ha rimarcato Deng.


Migliaia di sud-sudanesi hanno raggiunto il confine meridionale del paese e cercano, per il momento invano, di varcare il confine con l'Uganda. L'aeroporto internazionale di Juba ha riaperto il 12 luglio, dopo l'annuncio del cessate-il-fuoco arrivato dopo giorni di scontri tra le forze fedeli al presidente Salva Kiir e quelle del vicepresidente Riek Machar, che hanno causato centinaia di morti e migliaia di sfollati.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Corea del Nord: "La guerra è inevitabile"
e fu così che sparì pyongyang

Corea del Nord: "La guerra è inevitabile"

L'Europa odierna è sulla via del tramonto: come la vecchia Unione Sovietica
il piano segreto di Merkel, Macron e Juncker

Klaus: "L'immigrazione? Voluta ad arte per annientarci"

Muslim ban, Trump ce l'ha fatta
Terrore in Gran Bretagna: il principino nel mirino del jihad
l'isis contro il figlio di William e Kate

Terrore in Gran Bretagna: il principino nel mirino del jihad


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU