previde il terrorismo islamico

Il futuro senza avvenire ipotizzato dal filosofo Paul Virilio

Illustre maître à penser e critico indagatore della nostra civiltà, preconizza un futuro dominato da integralismo tecnologico, pretestuosa infallibilità scientifica, città fortezze e disastri geo-economici

Stefania Genovese
Il futuro senza avvenire ipotizzato dal filosofo Paul Virilio

Il filosofo e scrittore Paul Virilio ha prodotto in questi anni diverse pubblicazioni, da La bomba informatica a L'incidente del futuro, da Città panico a L'arte dell'accecamento fino a L'Università del disastro, dove si evidenzia quanto la rivoluzione delle telecomunicazioni abbia creato un mondo unico, in cui la storia della società è mutata radicalmente, non più scandita da tempi locali, ma compiuta nel tempo della istantaneità e della ubiquità. A suo giudizio questa nuova dittatura del tempo reale soverchiato dal tempo mondiale ha fagocitato l'uomo rendendolo simile ad una macchina, schiavo di un progresso che porta con sè limiti e rischi incalcolabili e soprattutto catastrofi annunciate sia sociali che ambientali. Al centro geometrico delle città, come luogo privilegiato delle comunicazioni, si sostituisce, a suo giudizio, un'Agorà telematica, che rende le città reali prive del loro status geografico, esanimi periferie di un ipercentro delle telecomunicazioni.


Questa sua critica non è una condanna del cyberspazio bensì delle sue contraddizioni, in cui il telespettatore non sa più discernere la finzione dalla realtà. L'immaginario scientifico diviene stagnante, e unifica nella mente dell'incredulo telespettatore, gli attentati terroristici alle azioni dei kamikaze islamici, che muoiono felici diventando essi stessi attori di una superproduzione mondiale dove la realtà può vacillare fino a cadere nel nulla elettronico. Sempre molto dirompenti e provocatorie, le critiche di questo filosofo, vengono supportate da riflessioni puntuali per lo più dirette contro il potere fondamentalista dell'elite tecnico-scientifica con la sua pretesa di verità assoluta, e contro i legami che essa instaura con un potere politico corrotto e nichilista. Dunque Virilio, pensatore lucido e spietatamente analitico, sorprende sempre per le sue precognizioni sociali; egli addita negativamente e denuncia con grande determinazione il controllo globale dell'umanità da parte di potenze multimediatiche totalitarie, che portano divisione interna tra popoli, regioni, città, paesi, razze, religioni e fino all'interno delle famiglie.


Così più una società è complessa più diventa vulnerabile, perchè alla catena del progresso corrisponde quella della catastrofe. Oggi viviamo in una dromosfera , ossia in una sfera dove l'accellerazione dei trasporti e delle trasmissioni, dove la velocità e l'interconnessione tra i sistemi moltiplicano i rischi e facilitano la perdita di controllo. Certamente Paul Virilo non ci invita a recusare il progresso, ma ci sprona a considerarne i limiti ed i rischi, perchè accettare acriticamente l'ideologia che immmagina la salvezza attraverso una tecnica di per sè sempre positiva, comporta l'adozione di un integralismo malato come quello religioso. Quindi a suo giudizio occorre fermarsi e rinunciare a certi progetti in nome del principio di responsabilità, avendo il coraggio di affrontare la questione della finitezza della tecnica e della scienza rispetto ai limiti del nostro pianeta, le cui risorse sono ormai al limite, mentre il rispetto per l'altrui persona viene completamente obliato.


La stessa città contemporanea, definita da Virilio “la più grande catastrofe del ventunesimo secolo” si connota come "una megalopoli iperconcentrata alla quale si aggiunge non solo l’iperterrorismo di massa, ma anche una delinquenza panica che riconduce la specie umana alla danza di morte delle origini: così la città torna a essere una cittadella, un bersaglio per tutti i terrori, domestici o strategici. Le bombe dei terroristi, allora, non uccidono più soltanto in Iraq, Israele, Afghanistan, Siria ma colpiscono anche nel centro delle città occidentali, tra i grattacieli, nelle stazioni della metropolitana, e alle fermate degli autobus. Il confine globale che segna la frattura tra i popoli del mondo, che divide il pianeta tra nord e sud, attraversa ora il cuore delle città".

Inoltre di fronte a questo inquinamento ambientale e climatico, con la minaccia nucleare sempre pendente sulle nostre teste, in un mondo ormai sull'orlo della catastrofe accecato da un totalitarismo tecno-scientifico enfatizzatamente accelerato, diviene allora necessaria la creazione di "una Università del disastro" che possa misurare ma anche prevenire gli incidenti prodotti dal progresso scientifico e che possa arginare la portata devastatrice di un progresso che corre verso il suo annichilimento, che si opponga a coloro che, come asserisce Edgar Allan Poe: "Rendono la Terra ormai come un astro già morto, mentre l'incidente della Scienza fa parte di quelle cose che l'uomo continua a perpetrare solo per il fatto che non lo dovremmo, non lo potremmo fare".

In conclusione Paul Virilio, ammonendoci sulla depersonalizzazione in atto nella nostra società, e riguardo lo svilimento di se stessi e dei valori verso cui l'uomo sta lentamente precipitando, cita, in un suo saggio, Bertold Brecht: "Si inducono al saccheggio i saccheggiati. L'impresa supera le forze; l'esercizio della violenza, invece di unire le forze le divide; ciò che era elementarmente umano, troppo complesso, esplode. E manda tutto in mille pezzi, annientandolo".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Firenze ricorda Oriana
convegno internazionale sulla fallaci

Firenze ricorda Oriana

FLAT TAX, il libro della rivoluzione fiscale
Shock fiscale, ecco il manuale

Flat Tax, il libro della rivoluzione fiscale


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU