tracce aliene nel passato

I celti e gli extraterrestri: il "selciato dei giganti"

0
Alfredo Lissoni

Alfredo Lissoni

Alfredo Lissoni è insegnante di religione e scrittore, socio del Centro Ufologico Nazionale, si occupa da molti anni di ufologia; milanese, già collaboratore del Nuovo Giornale di Bergamo, ha al suo attivo diverse collaborazioni per le principali riviste del settore: Notiziario UFO, Dossier Alieni, Giornale dei misteri, X-files, UFO dossier X, UFO Notiziario del CUN, Oltre la conoscenza, Oltre l'ignoto. Autore di programmi radiotelevisivi e consulente esterno per trasmissioni Mediaset, spesso in TV, ha realizzato diverse opere multimediali per Peruzzo; autore dell'enciclopedia Misteri e verità, ha altresì gestito un videotel ufologico ed è autore di 24 libri sugli UFO.

I celti e gli extraterrestri: il "selciato dei giganti"

 “Anche gli irlandesi hanno il loro astroporto preistorico", scrisse Peter Kolosimo; "è il cosiddetto selciato dei giganti, che si stende al nord, non lontano da Portrush, un’impressionante distesa di grandi blocchi di pietra esagonali o pentagonali. La scienza pensa si tratti di un fenomeno di origine vulcanica: i blocchi sarebbero stati rappresi, appena portati all’aperto, da un vento impetuoso, freddissimo, che li avrebbe modellati in forma cilindrica o quasi sferica; premendo gli uni contro gli altri, quindi, avrebbero assunto l’aspetto poliedrico che ancor oggi li distingue. Naturalmente c’è chi prende alla lettera la denominazione dell’enorme massicciata, dicendola costruita da quei giganti che sembrano aver popolato la Terra innumerevoli migliaia d’anni fa e di cui le tradizioni irlandesi conservano vivi ricordi. Ma i fautori delle teorie spaziali affermano che il fenomeno avrebbe benissimo potuto aver luogo in seguito ad una formidabile esplosione ed al conseguente raffreddamento della roccia fusa. L’esplosione di un’astronave o d’un intera flotta, forse?"


"I miti che vogliono quel luogo teatro d’un’apocalittica battaglia d’esseri simili a semidei dovrebbero confermarlo; ma, trattandosi di leggende probabilmente importate dai celti e diffuse un po’ dappertutto, non ci sembra il caso di prenderle alla lettera. Alcuni studiosi sostengono, di contro, che non il selciato dei giganti, ma varie distese d’Irlanda e d’Islanda portano segni che parrebbero impressi dalle vampate di colossali incrociatori cosmici. Ed è curioso come, seguendo queste informazioni, si giunga a collegare – con una linea ideale tracciata attraverso l’Atlantico settentrionale – l’estremo Nord europeo con l’America centrale. Si tratta d’una linea che corrisponde alla disposizione di una vera e propria catena di porti per l’infinito? C’è chi non ne dubita, chi asserisce che gli abissi sottomarini celino le vestigia di una civiltà stellare giunta a livelli inimmaginabili, la civiltà che avrebbe improntato di sé tutto il nostro pianeta, imponendosi agli altri invasori venuti dallo spazio prima che immani catastrofi sconvolgessero il globo...”.


Tratto da Colonia Terra, Segno edizioni

 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU