Indagini inutili

Morta di overdose a 37 anni a Modena: lo spacciatore nigeriano è libero e scappa

Il giudice, attenendosi alle disposizioni di legge, ha disposto per il 28enne straniero l'obbligo di firma, ma lui non si è mai presentato dai carabinieri

Redazione
Muore di overdose a 37 anni a Modena, lo spacciatore nigeriano è libero e scappa

Carabinieri in azione

Un mix di cocaina ed eroina quantitativamente insufficiente per disporre il carcere nei confronti di chi lo ha ceduto, così il pusher che ha venduto le dosi che una 37enne si è iniettata in vena prima di morire, giovedì scorso a Modena, è sparito nel nulla a fronte dell'obbligo di firma che gli era stato "inflitto" dal gip come misura cautelare. Lo spacciatore, un nigeriano di 28 anni con regolare permesso di soggiorno, una volta uscito dal tribunale si è reso irreperibile, vanificando le indagini dei carabinieri di Modena che erano riusciti a risalire a lui.

Le indagini sono cominciate nel pomeriggio di giovedì scorso, quando in una zona periferica della città emiliana i militari erano dovuti intervenire perché la giovane era deceduta dopo essersi "bucata" davanti al compagno all'interno di una palazzina. L'uomo, sottoposto a fermo, è stato accusato di spaccio di stupefacenti e di morte come conseguenza di altro reato: il magistrato di turno aveva chiesto per lo straniero la custodia cautelare in carcere. Il giudice, però, attenendosi alle disposizioni di legge, ha convalidato il fermo ma non la custodia cautelare in carcere, disponendo per il 28enne l'obbligo di firma alla caserma dei carabinieri.

Oviamente lo straniero non si è mai presentato, risultando ad oggi irreperibile. Avendo infatti ceduto due "sole" dosi di sostanza, il quantitativo non è stato ritenuto tale da predisporre per lui il carcere, ed è anche decaduta l'accusa di aver causato il decesso della giovane donna. Sul corpo della stessa è stata comunque disposta l'autopsia ma pare che non vi sia stata la consapevolezza, da parte dello spacciatore, di vendere droga "non buona" o comunque letale. Non si può parlare, quindi, di droga killer o tagliata male.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU