in pieno divieto di accampamento

Palermo, giornalista filma gli abusivi. Presa a pugni

Una reporter freelance è stata aggredita mentre filmava le operazioni di sgombero dei bagnanti sul litorale di Barcarello

Redazione
Palermo, giornalista filma gli abusivi. Presa a pugni

Punta Barcarello. Foto Wikipedia

"Sembra quasi che non ci siano più aree immuni da violenza contro chi svolge la funzione di informare. Solidarieta' piena e vicinanza alla collega che a Palermo stava documentando uno sgombero di istallazioni abusive. Non svelava traffici illeciti o colpiva grandi economie illegali che si preservano con azioni malavitose, per certi aspetti la cosa e' anche piu' inquietante perche' il tutto avviene tra indifferenza e sottovalutazione. Auspico una pronta risposta dello Stato come segnale forte in difesa della liberta' di stampa". Cosi' in una nota Carlo Verna, presidente del Cnog.

La vicenda. "Ero a Sferracavallo con un'amica. Come sempre avevo con me l'attrezzattura per girare i video cosi, quando ho visto sfilare diverse auto dei carabinieri in direzione di Punta Barcarello li ho seguiti. Immaginavo stessero intervenendo per fare allontanare quanti avevano messo delle tende, già da giorni, in spiaggia per il Ferragosto. Non ci ho pensato due volte, sono una giornalista e seguo la notizia. Una volta sul posto inizio a girare le immagini ma mi rendo conto che c'erano molti minorenni. Così, come mi impone la deontologia, mi allontano per evitare di riprenderli da vicino e renderli identificabili". Da lì a poco il caos. Iniziano a volare schiaffi e pugni. È il racconto a 'Palermo Today', la testata per cui collabora la giornalista aggredita ieri a Barcarello da un gruppo di bagnanti.

"Non mi rendo conto - ha raccontato - che i carabinieri sono lontani da me, in spiaggia, mentre io sono più su. Una signora mi chiede di non riprendere i bambini e la rassicuro, ma in quell'istante un gruppo si scaglia contro di me. Mi sono ritrovata per terra - racconta - contro di me schiaffi, calci, pugni. Una ragazza mi ha dato dei pugni sul naso. Erano donne, tante. Gli uomini guardavano. La mia amica, che mi attendeva in auto, mi ha raggiunto per difendermi ma anche lei è stata aggredita. Un uomo le ha dato un calcio facendola cadere. Mi volano gli occhiali e loro continuano a insultare e colpire. Contro di me anche testate...". 

A salvarla mentre veniva aggredita - assieme ad una amica che la accompagnava - sono stati i carabinieri che stavamo facendo controlli per far rispettare il divieto di accampamento e assembramento previsto dall'ordinanza del sindaco.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gli alieni ci dicono: "Il covid è un esperimento umano"
fotonotizia / tornano i crops nel Wiltshire

Gli alieni ci dicono: "Il covid è un esperimento umano"

Lombardia, è coprifuoco: è l'Ora X: primo morto italiano
coronavirus, Due infetti anche a Padova

Lombardia, coprifuoco Ora X: primo morto italiano

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Scontri a Napoli, i centri sociali danno la colpa...ai poliziotti
insurgencia: "Smentiamo insulti, minacce, accerchiamento e aggressioni"

Scontri a Napoli, i centri sociali danno la colpa...ai poliziotti

A Roma vigili no mask: "È solo un'influenza"
fotonotizia / la denuncia de il messaggero

A Roma vigili no mask: "È solo un'influenza"

Rom arrestata durante un furto. Era ricercata da sei anni
beccata in un centro commerciale a viterbo

Rom arrestata durante un furto. Era ricercata da sei anni


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU