leggiamo sempre meno

Cultura, diminuiscono i lettori, si va di più al cinema

Cala la quota di persone che leggono quotidiani (43,9%, dal massimo di 58,3% del 2006 e da 47,1% del 2015) e libri (40,5%, dal 42,0% del 2015). La lettura rimane prerogativa soprattutto dei giovani e delle donne

Redazione
Cultura, diminuiscono i lettori, si va di più al cinema

Nel 2015 le famiglie italiane hanno destinato a consumi culturali e ricreativi il 6,6% della loro spesa, un valore decisamente inferiore alla media Ue28 (8,5%) e superiore solo a quelli di Lussemburgo, Cipro, Irlanda, Portogallo, Romania e Grecia. Lo si legge nel Rapporto Istat Noi Italia. Sarà poi che i libri hanno raggiunto spesso prezzi proibitivi (le prime edizioni, non le brossure) ma nel 2016 diminuiscono sia la quota di persone che leggono quotidiani (43,9%, dal massimo di 58,3% del 2006 e da 47,1% del 2015) sia quella di chi legge libri (40,5%, dal 42,0% del 2015). La lettura rimane prerogativa soprattutto dei giovani e delle donne.


A livello territoriale tutte le regioni del Mezzogiorno presentano valori inferiori al dato nazionale a eccezione della Sardegna. Si conferma in aumento l'utilizzo del web per la lettura di notizie, giornali o riviste: tra i giovani di 20-24 anni il 53,9% va su Internet a questo scopo. Su scala europea l'Italia occupa però l'ultima posizione insieme alla Romania. Nel 2016 l'8,4% della popolazione di 6 anni e più legge online e scarica dal web libri, quota che sale a poco meno del 20% tra i giovani di 18-24 anni. Questa forma di fruizione culturale è più diffusa nel Nord Ovest. Il Mezzogiorno è l'unica ripartizione dove si registra una diminuzione rispetto al 2015.


Continua a crescere la partecipazione culturale. Nel 2016 sono aumentate le persone che vanno al cinema (oltre il 50% della popolazione) e a concerti di musica diversa da quella classica. La fruizione di spettacoli o intrattenimenti fuori casa è più diffusa tra gli 11-24enni. A livello territoriale il divario tra Centro-Nord e Mezzogiorno e' molto rilevante nel caso di visite a musei e monumenti mentre si attenua per spettacoli sportivi e cinematografici. 


La propensione alla pratica sportiva è in crescita nel 2016 ma riguarda ancora poco più di un terzo della popolazione (più gli uomini che le donne); circa un quarto dei praticanti vi si dedica in modo continuativo. La quota più elevata di sedentari si riscontra nel Mezzogiorno (25,7%).

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Salvini ha la stoffa dello Statista
VERBA VOLANT, RUSPA MANENT

Salvini ha la stoffa dello Statista

Sinistri: sempre più sconfitti ma sempre presenti!
Sinistra italiana tra scomuniche, scissioni, abbandoni e defezioni

Sinistri: sempre più sconfitti ma sempre presenti!

Tra i Sassi di Matera le sculture di Salvador Dalì
ricordando il genio del surrealismo

Tra i Sassi di Matera le sculture di Salvador Dalì

A Milano Delitti e vecchi merletti
gabriele moroni presenta il suo ultimo libro

A Milano Delitti e vecchi merletti


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU