invasi dalle "risorse"

Allarme Frontex: nel 2017 sbarchi in aumento in Italia

Il direttore Leggeri: "Non fuggono dalla fame, sono migranti economici"; "in Italia sinchieste giudiziarie per capire meglio cosa accada con alcune barche non identificate che contribuiscono ai salvataggi"

Redazione
Allarme Frontex: nel 2017 sbarchi in aumento in Italia

Foto ANSA

Frontex lancia l'allarme: a breve saremo sommersi di clandestini. E propone di "rafforzare la politica dei rimpatri dei migranti economici dall'Italia" in vista di "un nuovo massiccio flusso di sbarchi che si prevede in arrivo dalla Libia nei prossimi mesi". Secondo il direttore esecutivo dell'Agenzia europea Fabrice Leggeri è infatti "realistico dire" che "sulla rotta del Mediterraneo centrale nel 2017 occorre prepararsi ad affrontare lo stesso numero di arrivi di migranti del 2016", circa 180mila (+17% sul 2015).

La collaborazione con le autorità libiche per l'addestramento della guardia costiera, così come i compact per la cooperazione con i Paesi africani sono "un investimento importante" che darà i suoi frutti "nel medio e lungo termine" spiega Leggeri, ma "nel breve periodo" si punta a serrare le maglie dei controlli, per mettere assieme identificazioni ben documentate in modo da ottenere lasciapassare e fogli di viaggio dai consolati dei Paesi terzi, per le riammissioni. Per questo serviranno nuovi hotspot e "team mobili di esperti" da impiegare per condurre accertamenti molto approfonditi.

Secondo il direttore di Frontex, "una larga parte dei migranti in attesa di mettersi in viaggio dalla Libia, arrivano dall'Africa occidentale, ed almeno il 60% di questi si stima siano migranti economici". Per poter condurre i rimpatri servirà anche un'accelerazione delle decisioni a livello nazionale. Nel 2016 i Paesi Ue (direttamente responsabili per i rimpatri) hanno emesso 305.365 provvedimenti (+6,5 rispetto al 2015), ma di questi solo 176.223 sono stati eseguiti, per una media di meno di 15mila al mese. In particolare, Grecia e Italia hanno fatto registrare un numero di esecuzioni in calo del 10% sul 2015, mentre la Germania ha incrementato del 24% e la Svezia del 55%. 


Intanto sugli aiuti ai migranti pesa anche un punto interrogativo sull'operato di alcune ong. Secondo Leggeri "in Italia sono infatti in corso inchieste giudiziarie per capire meglio cosa accada con alcune barche non identificate che contribuiscono ai salvataggi".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bologna, l'avvocatessa con velo torna in aula. Col velo
la giustizia non è uguale per tutti

Bologna, l'avvocatessa con velo torna in aula. Col velo

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire
"non si può stare col capo coperto"

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU