BASTA UN "TALAQ" PER DIVORZIARE

India, petizioni contro il divorzio islamico: umilia e distrugge le donne

Le donne chiedono alla Corte suprema indiana di dichiarare illegale il divorzio islamico: secondo quest'assurda usanza, al marito basta dire per tre volte la parola "Talaq" per ripudiare la moglie e non riconoscerle nulla

Francesco Vozza
India, petizioni contro il divorzio islamico: umilia e distrugge le donne

"Talaq, Talaq, Talaq!": quella che per noi occidentali potrebbe suonare più come una formuletta magica di qualche fiaba, in India invece rappresenta una specie di condanna per le donne. Infatti, in base a delle assurde usanze islamiche, pronunciando queste tre semplici parole gli uomini possono istantaneamente ripudiare le loro mogli. E il bello è che basta anche un semplice sms o una mail per completare la procedura di quello che si configura come un "divorzio" ad esclusivo vantaggio dell'uomo: per le leggi indiane, infatti, in un regolare divorzio la donna ottiene un mantenimento dall'ex marito, ma con la formula musulmana tale diritto della ex moglie sparisce, condannando quest'ultima a vivere il resto della sua vita nella miseria più totale.

Alla luce di tutte queste considerazioni, sono già state presentate moltissime petizioni alla Corte suprema indiana, affinché venga definitivamente dichiarato illegale il divorzio islamico, poiché esso è gravemente dannoso per qualunque donna lo subisca. L'associazione nazionale degli islamici ovviamente ha dichiarato legittimo questo tipo di divorzio, ma stavolta la Corte suprema potrebbe decidere di fare ordine nella legislazione, mettendo per sempre al bando il "Talaq". Staremo a vedere.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU