barbarie isis

L'ONU: "Contro gli yazidi genocidio a fuoco lento"

Donne trasformate in schiave sessuali, mentre i ragazzi sono costretti a combattere nelle file dei loro stessi aguzzini. Lo sterminio prosegue indisturbato

Redazione
L'ONU: "Contro gli yazidi genocidio a fuoco lento"

Fonte Ansar al Jihad

Da parte dello Stato Islamico continua a danno degli yazidi un vero e proprio "genocidio", che è "in pieno corso": lo ha denunciato Paulo Pinheiro, presidente della commissione d'inchiesta delle Nazioni Unite sui diritti umani in Siria, lanciando un appello al Consiglio di Sicurezza affinché investa della questione il Tpi, il Tribunale Penale Internazionale dell'Aja. "L'Isis", afferma Pinheiro in una nota, "sottopone ogni donna, bambino e uomo yazida che cattura a orribili atrocità".


Di etnia affine a quella curda, ma con una cultura propria e una particolare religione monoteistica, la minoranza è diffusa soprattutto in Iraq, e tuttavia è in territorio siriano che i jihadisti ne tengono prigionieri la maggior parte, su un totale stimato in circa 3.200 unità: si tratta, afferma il diplomatico brasiliano, del risultato di "trasferimenti forzati" mirati in particolare a disporre di donne da trasformare in schiave sessuali, mentre i ragazzi sono costretti a combattere nelle file dei loro stessi aguzzini. Più in generale, aggiunge Pinheiro, i miliziani del califfato "continuano a cercare di distruggere gli yazidi in molteplici maniere": dall'impedire nuove nascite all'uccidere giovani e adulti "a fuoco lento".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU