l'italia dei balocchi

Spacciatore algerino espulso beccato al check-in con passaporto falso

Le situazioni grottesche e vergognose sul lassismo della magistratura italiana non smettono di stupire ed evidenziano quanto sia elevato il rischio di infiltrazioni, tra gli immigrati, di delinquenti

Redazione
Algerino con decreto di espulsione e accusato di spaccio, al check-in con passaporto rubato e falsificato

foto internet

Arrestato a Malpensa algerino per possesso di passaporto falso. Sequestrati anche 13 titoli di viaggio falsi in un weekend. La polizia di frontiera di Malpensa ha arrestato un algerino per possesso di passaporto falso.

È stato scoperto dalla polizia di frontiera durante un normale servizio di pattuglia all'interno del salone check-in, all'aeroporto Malpensa, mentre l'uomo era in attesa di registrarsi su un volo diretto in Algeria. Alla richiesta dei documenti il passeggero ha esibito, per la propria identificazione, un passaporto greco.

Dal controllo nelle banche dati delle forze dell'ordine, gli agenti hanno scoperto che il passaporto, esibito dallo straniero, era oggetto di una segnalazione in campo europeo, in base alla quale il documento avrebbe dovuto essere sequestrato, perché denunciato come smarrito o rubato. Gli agenti hanno quindi immediatamente proceduto a fermare il soggetto al fine di risalire, grazie ai confronti fotografici e alle comparazioni fotodattiloscopiche, alla sua reale identità. Dai riscontri, infatti, è emerso che l'uomo, un algerino, in Italia irregolarmente dal 1991, era destinatario di un ordine di espulsione ancora pendente e con alle spalle una vita piuttosto travagliata, dedita alla commissione di numerosi reati.

Sull'immigrato pendeva, tra gli altri, un'ordinanza di custodia cautelare per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Inoltre, gli approfondimenti tecnico-scientifici hanno consentito altresì di scoprire che, il passaporto esibito, non soltanto era stato rubato nel passato al legittimo proprietario, ma era anche stato falsificato mediante la sostituzione della pagina riportante i dati biografici.

Lo straniero, A. M. A. di 42 anni, è stato arrestato sia perché colto nella flagranza del reato di possesso di documento valido per l'espatrio falso, sia in esecuzione della citata ordinanza e condotto nel carcere di Busto Arsizio, a disposizione dell'autorità giudiziaria procedente.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU