Pochi grammi e il gioco è fatto

Cannabis light? Basta un bassissimo contenuto per avere effetti tossici

Lo dimostra la ricerca "Cannabis light extraction", presentata il 9 ottobre dalla Comunità di San Patrignano

Giuseppe Brienza
Cannabis light? Basta un bassissimo contenuto per avere effetti tossici

Tra i vari meriti della Comunità di San Patrignano, che nello scorso luglio ha festeggiato il 40° compleanno essendo stata fondata a Coriano, in provincia di Rimini, nel 1978 da Vincenzo Muccioli (1934-1995), c’è quello di associare all’aiuto concreto ai tossicodipendenti un’opera instancabile di sensibilizzazione contro tutte le droghe. Opera confermata dalla recente ricerca "Cannabis light extraction", presentata il 9 ottobre nella sede di Coriano nell’ambito del progetto "WeFree Days", dedicato alla prevenzione del consumo delle c.d. “droghe leggere”. L'autore e relatore dello studio, che s’intitola "Cannabis light extraction", è Giovanni Serpelloni, direttore dell’Uoc Dipendenze di Verona e attivo anche al Dp Insitute dell’Università della Florida.

Coordinando gli istituti di medicina legale delle Università di Verona, Parma e Ferrara, il prof. Serpelloni ha studiato le pratiche che i giovani utilizzano per estrarre e concentrare i principi attivi dalle foglie e dalle inflorescenze di cannabis, seguendo le indicazioni di un sito internet, e costruendo un estrattore domestico con gas butano (quello per gli accendini o per i fornelletti da campo) di Thc. È arrivato alla seguente conclusione: "Con un estrattore domestico si può ottenere un effetto psicoattivo da pochi grammi di prodotto". Vale quindi non solo più il motto “droghe leggere=danni pesanti” ma, evidentemente, ora anche quello “pochi grammi=molto sballo”.

E quindi i giovani italiani (ma non solo) possono stordirsi con un semplice estrattore ottenendo lo “stallo neurologico” grazie a una semplice sigaretta elettronica. Pochi grammi di "light" e il gioco è fatto! Anche se rimane vero, come possono testimoniare gli operatori o i “frequentatori” delle Comunità di recupero che “chi semina cannabis raccoglie eroina". Sono ormai 800 i “Cannabis shop” in tutta Italia. Un mercato che negli Stati Uniti fattura più di McDonald. Torniamo con forza a chiedere un intervento urgente del Ministero della Salute per l'immediata chiusura di questi “locali”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Piange Boldrini, le urne l'hanno rottamata
Salvini strozzato a Cagliari: la democrazia Isis-style delle zecche rosse
nuove scritte offensive contro il ministro dell'interno

Salvini strozzato a Cagliari: la democrazia Isis-style delle zecche rosse


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU