Chi e come si difende il diritto alla vita in Italia

Tutti uniti sull’aborto?

Sul nuovo numero della rivista di Alleanza Cattolica “Cristianità” la storia misconosciuta del movimento pro-life italiano. Disaccordi, eroismi e cedimenti che si ripresentano ancora oggi…

Giuseppe Brienza
Tutti uniti sull’aborto?

Prima pagina del quotidiano comunista il Manifesto del 7 aprile1978 (inizio discussione legge sull'aborto alla Camera dei deputati)

Apre il nuovo numero della rivista “Cristianità”, edita dall’associazione civico-culturale Alleanza Cattolica (398/2019), un interessante articolo del responsabile (Reggente Nazionale) Marco Invernizzi. S’intitola Il movimento “pro-life” in Italia e ripercorre storicamente origini e sviluppi del più importante movimento pro-life italiano, che è il Movimento per la Vita (MpV). Quest'ultimo, fondato nel 1980 come federazione di diverse associazioni impegnate nella difesa della dignità della donna e contro l’aborto, inizia culturalmente prima del 1978, anno di approvazione della legge sulla c.d. interruzione volontaria di gravidanza (Ivg). Dopo qualche anno dall’approvazione della famigerata 194, con il referendum sull’aborto (17 maggio 1981), cominciano a manifestarsi, descrive Invernizzi, "due tendenze che avrebbero diviso il mondo pro-life". La prima rinunciava a priori a intraprendere una battaglia perché avrebbe potuto tradursi in una sconfitta, la seconda rifiutava di combattere perché giudicava immorale sostenere un referendum solo parzialmente abrogativo di una norma intrinsecamente ingiusta. Tendenze consolidatesi poi con l’introduzione della legge n. 40/2004 sulla fecondazione artificiale (ormai discutibilmente definita procreazione medicalmente assistita - PMA) e, da ultimo, divise oggi sulla questione del “suicidio assistito” e dell’introduzione surrettizia dell’eutanasia nel nostro ordinamento.

I pro-life italiani, quindi, hanno indebolito finora la loro azione a causa di questa divisione fra intransigenti e possibilisti, vanificando in parte le rispettive meritorie attività in ambito civico, politico e culturale. La battaglia in difesa della vita umana innocente, invece, come primo compito, ribadisce giustamente Invernizzi, dovrebbe essere unitaria nell'intento di dire e di agire per “la verità, tutta la verità (essendo anche questa una forma di carità, non certo secondaria) sul diritto alla vita e sull'iniquità dell'aborto e delle varie forme di manipolazione e uccisione dell'embrione umano”.

Delle divergenze fra i pro-life scontano in parte le conseguenze anche le migliaia di volontari che costituiscono il braccio “operativo” della battaglia contro la cultura della morte, sia federati sia esterni al MpV, i quali avrebbero bisogno di ricevere tutto l’appoggio e l’orientamento ideale possibile per agire all’unisono rispondendo a quell'esigenza della carità concreta e operativa verso le madri ed i bambini che si aspettano di nascere e di essere accolti in una famiglia.

Organo ufficiale di Alleanza Cattolica dal 1973, associazione fondata a Piacenza da Giovanni Cantoni nel 1968, Cristianità è una rivista bimestrale (dal 2017) dedicata alla diffusione della Dottrina sociale della Chiesa e del pensiero contro-rivoluzionario.

Per informazioni su abbonamenti e singoli numeri si può scrivere all’indirizzo abbonamenti@alleanzacattolica.org o cliccare sul sito ufficiale: https://alleanzacattolica.org.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Maltempo in Lombardia, Conte se ne fotte
il governo respinge lo stato d'emergenza

Maltempo in Lombardia, Conte se ne fotte

La politica secondo Povia
Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Sei madre? Te lo chiederanno per promuoverti non per licenziarti!
Movimento per la vita: richiedere l’inserimento delle competenze materne nei CV

Sei madre? Te lo chiederanno per promuoverti non per licenziarti!


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU