quello che i media occidentali non vi diranno mai

Ma davvero in Russia non ci sono "libere elezioni"?

Cosa si cela realmente dietro le proteste di piazza a Mosca? Ed il "cattivone di turno" è veramente Vladimir Putin?

Redazione
Ma davvero in Russia non ci sono "libere elezioni"?

Sono settimane che le proteste di piazza vanno avanti a Mosca. I media occidentali, che vedono Putin come il fumo negli occhi perché si oppone ai diktat della Ue e non appecorina all'invasione islamica, dicono che i manifestanti, perlopiù giovani, sono "pacifisti che chiedono libere elezioni". In realtà, se si osserva meglio il fenomeno, il quadro che appare è differente.

Certo, durante le varie manifestazioni non sono mancate le violenze e gli arresti. I numeri dei fermati sono contrastanti ma si parla di centinaia, peccato ci si dimentichi di dire che i manifestanti, stile i no global di Genova al tempo del G8 in cui perse la via Carlo Giuliani, sabato 10 agosto abbiano violato il perimetro stabilito ed abbiano iniziato a marciare attraverso la città e verso l’amministrazione presidenziale, con un cordone non autorizzato. La Russia non è l'Italia e sulla sicurezza non si scherza. Da lì gli arresti, specie dopo che i manifestanti hanno aggredito la polizia.

Il sito Atlante delle guerre, che sul posto aveva un cronista, ha raccontato una versione ben diversa da quella dei media anti-Putin. "Tra i fermati nelle manifestazioni precedenti c’è anche Lyubov Sobol, avvocato della Fondazione anticorruzione, membro del Consiglio di coordinamento dell’opposizione russa, alleata di Aleksei Navalny, guida del movimento, nonché candidata esclusa dalle elezioni. Gli organizzatori della protesta hanno invitato i manifestanti a ignorare i divieti della polizia e a marciare al di fuori dell’area circoscritta e autorizzata della manifestazione".

"Le piazze che chiedono ‘elezioni libere’ sono popolate per lo più da giovani. Secondo un sondaggio pubblicato dal portale The Bell, il 50 per cento ha meno di 33 anni e il 20 per cento è alla prima esperienza di partecipazione. Giovani che però, secondo alcune opinioni diffuse a Mosca tra chi non sostiene le proteste, sarebbero pagati per manifestare per una causa che conoscono a malapena", scrive ancora il portale.

E poi la scoperta: i facinorosi corrispondono alle nostre zecche rosse, ironia della sorte in quella che fu la Mecca del comunismo. "Tra i partecipanti alle proteste anche vari gruppi di sinistra e socialisti, mentre il partito comunista si è tenuto a distanza sostenendo che la protesta sia in mano a forze liberali e filo-occidentali". Ad orchestrare il tutto è il politico dell'opposizione Alexei Navalny, su cui per inciso pesa un’indagine per riciclaggio, che protesta perché i suoi candidati non sono stati ammessi nelle liste elettorali. Motivo? Le firme raccolte erano false, ma evidentemente per Navalny, abituato a far girare denaro sporco, questo non è poi un gran reato...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Quanto si muore di Aids in Italia
Hiv e Aids, gli ultimi dati dell'Istituto superiore di sanità

Quanto si muore di Aids in Italia

Lazzaretto Italia. E militari schierati
coronavirus, misure drastiche del governo

Lazzaretto Italia. E militari schierati

Coronoavirus, la psita dell'esperimento militare
come nel telefilm "I sopravvissuti"

Coronavirus, la pista dell'esperimento militare

Coronoavirus, la psita dell'esperimento militare
come nel telefilm "I sopravvissuti"

Coronavirus, la pista dell'esperimento militare

Virus letale: ci hanno fregato! La rivelazione del Washington Times
Coronavirus, la Cina sapeva ed ha taciuto!
cinesi tenuti all'oscuro di tutto

Coronavirus, Pechino sapeva ed ha taciuto!

Coronavirus, è bollettino di guerra
i numeri che la cina non vuole dare

Coronavirus, è bollettino di guerra


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU