Com'è buona la nostra parlata

Un caffè in lingua cittadina

C’è chi corre verso l’inglese e chi scappa verso le proprie origini. Succede in un Bar della Sardegna

Andrea Lorusso
Un caffè in lingua cittadina

Foto ANSA.IT

È una bella storia, di quelle autoctone, forse anche troppo leggera per finire all’ANSA, ma perché dovremmo riempirci solo di piombo e veleni? In effetti nonostante una società a brandelli ed una identità che raccontiamo sempre più trascolorata, vi è un Bar in Sardegna dove le portate sono “sediziose”, non s’arrendono all’italiano.

Al Caffè Eugenia di Oliena (Nuoro), da diversi anni la titolare batte lo scontrino in lingua sarda, o meglio, in olianese. Eugenia Vacca, da 34 calendari proprietaria della caffetteria, racconta: "L'idea mi è venuta quando ho sostituito il registratore di cassa, sia per il mio attaccamento alle radici e alla lingua sarda sia per divertimento. Volevo sottolineare che la lingua deve essere parlata e scritta per non perderla, ma volevo anche divertirmi con i miei clienti di Oliena e del circondario che mi prendono in giro per la mia ostinazione.”

E ancora narra delle preziose lezioni che assorbe dagli anziani, di cui annota ogni parola di rito per poi riproporla alla clientela e tramandarla. Ovviamente: “Senza estremismi, se mi accorgo che un cliente non conosce il dialetto non gli parlo in sardo naturalmente.”

Eppure è bastato uno scatto allo scontrino finito sul web, ad attirare enormi attenzioni e così, anche simpaticamente, ha acceso un faro sull’annosa questione delle origini.

È importante mantenere viva la tradizione? La nostra esercente pare avere le idee chiare: “Io penso che ogni genitore deve essere libero di insegnare ciò che vuole ai propri figli e di parlare la lingua che vuole, anche se non condivido le loro scelte. Faccio parte di una generazione che è cresciuta parlando il sardo, e l'italiano lo abbiamo imparato benissimo sin dalla scuola materna. Perché privare i bimbi della possibilità di conoscere un'altra lingua e del valore importantissimo del tramandarla?".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Gay pride per i bimbi della materna, esplode la polemica
le facce dei bambini dipinte arcobaleno

Gay pride per i bimbi della materna, esplode la polemica

Che chicca la pubblicità Chicco
Famiglia tradizionale sì, ma con genialità

Che chicca la pubblicità Chicco

Lo scandalo delle spose bambine
L'EUROPA SI MUOVE, L'ITALIA DORME

Lo scandalo delle spose bambine

Fake news, attivista no vax condannata
decreto di condanna da 400 euro

Fake news, attivista no vax condannata


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU