gli usa ammettono la retroingegneria aliena

Trump apre gli archivi. Il Pentagono: "Cerchiamo gli UFO". E Oberg si converte al volo

Alfredo Lissoni
Trump apre gli archivi. Il Pentagono: "Cerchiamo gli UFO". E Oberg si converte al volo

L'avevo ripetuto più volte, durante la mia trasmissione Padania misteriosa a Radio Padania, che Trump avrebbe rilanciato la questione UFO, aprendo parte degli archivi. In tanti, soprattutto ufologi "anarchici" o di Sinistra, avevano riso o sorriso. Oggi se la prendono in quel posto perché quanto preannunciato dal sottoscritto nell'emittente leghista non era frutto di fantasie ma derivava da informazioni ben precise in possesso di chi scrive. Che Trump abbia tra i suoi consulenti (come pure Orban in Ungheria) un appassionato UFO ben motivato a derubricare il materiale è noto: è Tom DeLonge, chitarrista e fondatore della band pop punk Blink-182. Che sta lavorando, più o meno dietro le quinte, ad un programma di disclosure.


Ma la notizia del giorno, in prima pagina pure sull'Ansa, è questa: "Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli UFO. Lo scrivono alcuni media USA. Il programma, lanciato nel 2007, è stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari".


In realtà, la notizia è assai più articolata. Come spiega il New York Times, che riporta anche la registrazione di un caccia che intercetta un UFO sul radar, "nei 600 miliardi di dollari di budget annuali del Dipartimento della Difesa, i 22 milioni spesi per il Programma di identificazione delle minacce aerospaziali avanzate erano quasi impossibili da trovare. Per anni, il programma ha indagato sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati. Era gestito da un funzionario dell'Intelligence militare, Luis Elizondo, al quinto piano dell'anello C del Pentagono".


"Il black project", continua il giornale, "di cui alcune parti restano classificate, è partito nel 2007 e inizialmente è stato ampiamente finanziato su richiesta di Harry Reid, il democratico del Nevada che all'epoca era il leader della maggioranza del Senato e che da tempo aveva un interesse per i fenomeni spaziali. La maggior parte del denaro è andato a una società di ricerca aerospaziale gestita da un imprenditore miliardario e amico di lunga data del signor Reid, Robert Bigelow, che sta attualmente collaborando con la NASA per produrre imbarcazioni espandibili per gli umani da utilizzare nello spazio", ricavate dalla tecnologia UFO! Durante la trasmissione 60 minuti della CBS, a maggio, spiega il NYT, "Mr. Bigelow ha detto di essere assolutamente convinto che gli alieni esistono e che gli UFO hanno visitato la Terra".


"Lavorando con la compagnia di Mr. Bigelow a Las Vegas, il programma ha prodotto ricerche che descrivono avvistamenti di aerei che sembravano muoversi a velocità molto elevate senza segni visibili di propulsione, o che si libravano senza apparenti mezzi di sollevamento. Funzionari del programma hanno anche studiato video di incontri tra oggetti sconosciuti e aerei militari americani, tra cui uno su un oggetto ovale biancastro, delle dimensioni di un aereo commerciale, inseguito da due caccia da combattimento della Marina F / A-18F dal portaerei Nimitz al largo della costa di San Diego nel 2004".

"Il signor Reid, che si è ritirato dal Congresso quest'anno, ha dichiarato di essere orgoglioso del programma". "Non sono imbarazzato, non mi vergogno o mi dispiace di aver mandato avanti questa cosa", ha detto Reid in una recente intervista in Nevada. "Penso che sia una delle cose buone che ho fatto nel mio servizio congressuale. Ho fatto qualcosa che nessuno ha mai fatto prima". Anche altri due ex senatori e membri di spicco di una sottocommissione per le spese della difesa - Ted Stevens, un repubblicano dell'Alaska, e Daniel K. Inouye, un democratico alle Hawaii - hanno sostenuto il programma. Il signor Stevens è morto nel 2010 e Mr. Inouye nel 2012.

La "rivelazione", opportunamente pilotata dall'Amministrazione Trump - che di fatto ammette quanto da anni sostenuto dal colonnello del Pentagono Philil Corso, che cioè gli USA stavano studiando la retroingegneria aliena - ha già provocato la prima conversione eccellente. James E. Oberg, ex ingegnere della NASA per lo Space shuttle e autore di 10 libri sui voli spaziali che spesso sfatavano gli avvistamenti UFO, per trent'anni "bestia nera" dell'ufologia, adesso dichiara di "accogliere  favorevolmente questa ricerca. Potrebbe esserci una perla, lì". Cari ufologi, lo scettico è servito.






LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

I maghi sono tra noi. E fanno danno
non son tutti harry potter

I maghi sono tra noi. E fanno danno

La Madonna appare in Siria
la profezia della guerra

La Madonna appare in Siria

La Madonna appare a S.Bonico?
miracolo a piacenza

La Madonna appare a S.Bonico?


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU