trumpissimo

Grattacapi per Soros: la vittoria di Trump gli costa un miliardino

Il presidente eletto sembra essere l'ossessione del finanziere ungherese, che sbaglia tutte le previsioni sulle mosse del tycoon e perde una bella fetta del patrimonio famigliare

Redazione
Grattacapi per Soros: la vittoria di Trump gli costa un miliardino

Foto d'archivio

Il magnate della finanza George Soros ha perso quasi un miliardo di dollari, come risultato del rally del mercato azionario che c'è stato dopo la vittoria di Trump alle elezioni presidenziali americane dell'8 novembre scorso.

A crocifiggere in piazza il finanziere è il Wall Street Journal che, citando alcune fonti anonime, elogia le mosse dell'ex braccio destro dell'investitore ungherese. Secondo quanto riportato, Stanley Druckenmiller, che aiutò Soros a mettere a segno profitti da un miliardo di dollari scommettendo contro la sterlina nel 1992, e che uscì dal gruppo del finanziere nel 2000, ha registrato lauti guadagni avendo previsto i corsi azionari del dopo elezione. La notte elettorale, infatti, è uscito dalle posizioni ribassiste ed è diventato "bullish" sul mercato azionario, prevedendo anche l’apprezzamento del dollaro sull’euro. Una scelta che finora si è rivelata vincente, oltre a quella sul fronte dei finanziamenti elettorali, di donare 3,5 milioni di dollari ai candidati repubblicani.

Stando sempre alla ricostruzione del giornale americano, invece, Soros lo scorso anno è tornato a fare trading nella sua Soros Fund Management, che gestisce un patrimonio famigliare di 30 miliardi di dollari e, all'inizio di novembre, poco prima delle presidenziali, è diventato un "orso", puntando sull'insoddisfazione dei mercati, non prevedendo dunque il rally positivo, alimentato dall'effetto Trump, e dovuto alle speranze per una deregulation, cioè per un taglio delle tasse e per spese infrastrutturali volte ad alimentare la crescita.

Verso la fine dello scorso anno, inoltre, scrive il Wall Street Journal, l’86enne investitore ungherese, ha limitato i danni abbandonando gran parte delle sue scommesse ribassiste, chiudendo con una perdita di "un miliardo di dollari". Soros, ricordiamo, è stato un finanziatore della campagna di Hillary Clinton, con 20 milioni di dollari donati al partito democratico. Un’altra scommessa perduta, sembra proprio, insomma, che Trump sia diventato la sua più nera ossessione.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Reggio Calabria: gli immigrati? Nella tendopoli di S. Ferdinando
malgrado le proteste della figlia di padoan

Reggio Calabria: gli immigrati? Nella tendopoli di S. Ferdinando


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU