incendi dolosi

Sicilia in fiamme. E la Regione dov'è?

L'Isola continua a bruciare a causa dei roghi accesi da criminali spietati, mentre il governo regionale guidato dal piddino Rosario Crocetta mostra ancora una volta tutta la sua incapacità amministrativa

Fabio Cantarella
Sicilia in fiamme. E la Regione dov'è?

Foto ANSA

Un vero e proprio inferno di fuoco si è abbattuto sull’Isola, un’apocalisse che ha portato anche alla chiusura di diversi tratti autostradali e ferroviari nel palermitano e nel messinese, tratti circondati dalle fiamme senza controllo. Gli incendi sono così importanti che, probabilmente aiutati dal vento, hanno attraversato le carreggiate autostradali passando da una parte all’altra. I vigili del fuoco sono stremati, hanno già eseguito un migliaio d’interventi tra giovedì e venerdì.

Giovedì un asilo a Monreale è stato fatto evacuare di fretta e furia con alcuni bambini rimasti intossicati dal fumo, per fortuna senza conseguenze rilevanti. I canadair hanno lavorato ininterrottamente anche nel trapanese. Cefalù, in provincia di Palermo, è la zona maggiormente interessate dalle fiamme. I primi a scagliarsi contro il governo Crocetta sono stati i dipendenti del Corpo Forestale: “Nei mesi tra marzo e maggio", denunciano pubblicamente, "non è stata compiuta alcuna attività di prevenzione con la creazione, per esempio, di ‘viali parafuoco” perché dicevano che mancavano i soldi”. Secondo il dirigente generale della Protezione civile: “Ci siamo trovati di fronte a un evento di dimensioni straordinarie”.

Sulla questione si registra infine l’intervento del segretario nazionale di ‘Noi con Salvini’, il siciliano Angelo Attaguile, segretario della Commissione parlamentare Antimafia. ”Secondo le prime ricostruzioni", rivela l’on. Angelo Attaguile, "i roghi sarebbero partiti tutti contemporaneamente. Si erano organizzati e avevano pianificato tutto chissà da quanto tempo". "Proprio per questo", conclude Attaguile, "ho chiesto che la commissionale nazionale Antimafia torni in Sicilia per affrontare la questione e individuare eventuali responsabilità anche politiche”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Togliti la divisa, sei un uomo morto"
La minaccia di un tunisino ad un poliziotto

"Togliti la divisa, sei un uomo morto"

La Fornero piange sul loden versato
Lacrime di coccodrillo

La Fornero piange sul loden versato


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU