IMMIGRAZIONE INUTILE

Rapinatore seriale tunisino fermato con auto rubata

Uscito dal carcere da un mese, l'extracomunitario ha numerosi precedenti per furto e spaccio

Alex Bazzaro
Controlli della  Polizia

Foto ANSA

È stato fermato nella giornata dello scorso 12 luglio a Padova in via Palestro dalle Forze dell'Ordine, il tunisino 31enne Chargui Ouajd, insieme ad un'italiana 21enne barese, entrambi sorpresi a bordo di una Renault Megane risultata rubata. A far insospettire la pattuglia è stato l'atteggiamento estremamente nervoso della coppia durante un normale pattugliamento del territorio. I due all vista delle volanti hanno subito perso la calma. L'extracomunitario noto rapinatore e ricettatore seriale, oltre che spacciatore, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria in concorso con la ragazza italiana, indagata in stato di libertà.

Dagli accertamenti fatti, i poliziotti hanno potuto constatare che la vettura, era stata denunciata alle Forze dell’Ordine come rubata il giorno prima, dal proprietario, un 82enne padovano che aveva parcheggiato il veicolo in via Chioggia per andare a fornire assistenza alla moglie nella vicina casa di cura e al ritorno non l’aveva più trovata. Chargui, che aveva violato anche il divieto di ritorno provincia di Padova emesso nei suoi confronti dal Tribunale, è stato portato in carcere da dove era uscito appena lo scorso mese dopo aver scontato una pena per rapina aggravata.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Fotonotizia / Il virus è tornato
384 NUOVI CONTAGI NELLE ULTIME 24 ORE

Fotonotizia / Il virus è tornato

Scandalo infibulazione: in Italia 80mila donne mutilate
Dati choc dell'università Milano-Bicocca. Il maggior numero tra le egiziane

Scandalo infibulazione: in Italia 80mila donne mutilate

Treviso, gli immigrati devastano la caserma. Ira di Salvini
"non si può uscire". e loro devastano l'infermeria

Treviso, gli immigrati devastano la caserma. Ira di Salvini


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU