la gran bretagna tira fuori le palle

Fuori dalla Ue, Londra si libera dei migranti. "Tutti via in caso impennata"

David Davis: "Gli europei che arriveranno in Gran Bretagna nei prossimi due anni saranno rispediti a casa". Ma per farlo è stata necessaria la Brexit...

Redazione
Fuori dalla Ue, Londra si libera dei clandestini. "Tutti via in caso impennata"

Foto ANSA

Non usa mezzi termini, il ministro britannico per la Brexit, David Davis, che ha dichiarato ieri che i migranti europei che arriveranno in Gran Bretagna nei prossimi due anni saranno "rispediti a casa", nel caso "ci sia un'impennata di ingressi nel periodo precedente l'uscita dall'Ue". Speriamo che, per l'occasione, non se li voglia prender tutti Renzi per caricarli sulle nostre spalle. E comunque, un bel cambio di rotta per la Gran Bretagna che, finché è stata nella gabbia dorata dell'Unione Europea, si è dovuta a rassegnare ad accoglierne migliaia, di clandestini.

Persino Cameron, che faceva tanto l'europeista, aveva destato scandalo quando aveva parlato di "sciame di migranti" pronti a "calare come cavallette". Indignazione dei radical-chic europei era stata tale che l'ex-Pemier aveva dovuto fare dietro-front. Proprio lui che, l'anno scorso, aveva cercato di porre un freno all'invasione minacciando sei mesi di carcere per gli stranieri che venivano scoperti a lavorare in Inghilterra e Galles senza permesso di soggiorno. Una norma richiesta dal suo Governo, che prevedeva anche che agli esercizi commerciali, ristoranti e rivendite di alcolici che impiegavano immigrati extracomunitari venissero ritirate le licenze. Al contempo si chideva il sequestro degli stipendi per i lavoratori. “Il governo”, aveva detto il ministro per l’Immigrazione James Brokenshire, “continuerà a colpire duramente” gli abusi. In base alla nuova legge, i proprietari di immobili in Inghilterra avrebbero dovuto essere obbligati a sfrattare i cittadini extracomunitari senza permesso di soggiorno. Sfratto anche per i profughi che si sarebbero vista rifiutata la richiesta di asilo. Non se ne fece molto, in verità, tali e tante furono le pressioni dei veri padroni del mondo, le lobbies europee radical-chic.


Nemmeno quando, nell'estate scorsa, migliaia di clandestini, a gruppi di 300 alla volta, cercarono di infiltrarsi nell'Eurotunnel che collega la Francia alla Gran Bretagna. All'epoca quella crisi divenne l'occasione per attaccare il governo di David Cameron, già bacchettato per avere detto che le “nostre strade non sono lastricate d'oro”. A sferrare il colpo era stato il tabloid Daily Mail, che in articolo on line aveva denunciato la presenza, negli hotel del Lancashire, di centinaia di immigrati illegali arrivati da Calais, nonostante le rassicurazioni del Premier. “I clandestini che sono riusciti ad intrufolarsi in Gran Bretagna attraverso l'Eurotunnel”, aveva scritto il giornale, “vengono accolti in alberghi con piscine e palestra, ricevono tre pasti caldi al giorno e 35 sterline la settimana”. Significativo che solo l'uscita dalla Ue abbia permesso alla Gran Bretagna di mettere fine all'invasione sistematica delle proprie terre, con obbligo di mantenimento degli invasori a spese dei cittadini, stile Medioevo. L'Italia, che è in una condizione analoga, dovrebbe riflettere.


 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU