matrimonio all'italiana

Corna in casa PD: Verdini passa con Renzi

Scandalizzato, ma solo a parole, il segretario del partito, Matteo Orfini, che giudica una "furbata sconcertante" l'entrata nella coalizione di ALA grazie a Zanetti

Alfredo Lissoni
Corna in casa PD: Verdini passa con Renzi

Foto Fabio Ghezzi

Partite le Olimpiadi 2016 made in Italy. Prima gara, la corsa alla poltrona. Che vede in pole il Governo Renzi ed una sempre più spaccata coalizione dem. "Enrico Zanetti chiarisca questa inutile furbata". Così Matteo Orfini, presidente del PD, in una intervista a Repubblica, ha attaccato ieri il vice ministro all'Economia che ha lasciato Scelta civica e si è unito a Denis Verdini e al suo gruppo parlamentare traghettandoli di fatto nella coalizione di governo, creando il nuovo gruppo "Scelta Civica verso Cittadini per l'Italia". Orfini ammette: "La vicenda è sconcertante".

Quanto a un possibile ingresso di Verdini nel governo, attraverso la mossa di Zanetti, Orfini chiarisce: "Il governo e il PD sono impegnati a cambiare il paese e a mostrare nella pratica un modo nuovo di fare politica. Operazioni come questa di Zanetti e Verdini provocano sconcerto. Sono furbizie di cui non abbiamo bisogno. Questo governo ha una maggioranza chiara. Abbiamo ribadito in più di un'occasione quali sono i confini politici. E su quei confini ci attestiamo". A parole, quantomeno. Perché la rwaltà dei fatti dice altro. E conferma una corsa alla poltrona che mal si concilia coi pistolotti moraleggianti del presidente PD.

Orfini, in effetti, ha dovuto ammettere che "il gruppo di Verdini non fa parte della maggioranza di governo. È capitato votasse alcuni provvedimenti, e questo può sempre succedere nella dialettica parlamentare. Ma oltre questo non sarebbe opportuno andare". E dimentica i continui sfottò di Crozza che, prima di lasciare La7, aveva ripetutamente dileggiato il gruppo ALA di Verdini come stampella del Governo Renzi...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU